reato di danneggiamento aggravato dall’esposizione alla pubblica fede della saracinesca di un magazzino sottoposto a pignoramento –avvocato penalista Bologna-FORLI-RAVENNA -CESENA

reato di danneggiamento aggravato dall’esposizione alla pubblica fede della saracinesca di un magazzino sottoposto a pignoramento –avvocato penalista Bologna-FORLI-RAVENNA -CESENA ADENAROSVEGLIASCRITTA

 

reato di danneggiamento aggravato dall’esposizione alla pubblica fede della saracinesca di un magazzino sottoposto a pignoramento –avvocato penalista Bologna-FORLI-RAVENNA -CESENA 

 

Con la sentenza indicata in epigrafe, la Corte di appello di Palermo ha confermato la sentenza con la quale, in data 27.6.2013, il Tribunale della stessa città aveva dichiarato l’imputato L.R.S. , in atti generalizzato, colpevole del reato di danneggiamento aggravato dall’esposizione alla pubblica fede della saracinesca di un magazzino sottoposto a pignoramento, condannandolo alla pena ritenuta di giustizia.
Contro tale provvedimento, l’imputato ha proposto ricorso per cassazione, deducendo:
I – nullità della sentenza ex art. 606, comma 1, lett. B) e D), c.p.p., in relazione agli artt. 85 ed 89 c.p.;
II – nullità della sentenza ex art. 606, comma 1, lett. B) e C), c.p.p., in relazione agli artt. 635 c.p. e 336 ss. c.p.p..
 

Il collegio è consapevole dell’esistenza in subiecta materia di orientamenti contrastanti:
– nel senso dell’esclusione dell’esposizione alla pubblica fede della porta d’ingresso di un esercizio commerciale, Sez. V, n. 46187 del 13.10.2004, Rv. 231168 e Sez. II, n. 44331 del 12.11.2010, Rv. 249181; della porta d’ingresso di un’abitazione, Sez. II, n. 44953 dell’11.10.2016, Rv. 268318; della vetrina di un bar, ma alla presenza del titolare, Sez. II, n. 37889 del 22.9.2010, Rv. 248875;
– nel senso dell’esposizione alla pubblica fede della serranda, della vetrina e della mostra di un locale, Sez. I, n. 8088 del 23.5.1986, Rv. 173534; della vetrina di un locale pubblico affacciata sul marciapiede, Sez. II, n. 23282 del 17.3.2015, Rv. 263626).
2.3. Ritiene il collegio di condividere il primo orientamento, senz’altro dominante, e ri-espresso più di recente, e cioè che non possa ritenersi che la saracinesca di un locale sia, per sua vocazione, esposta alla pubblica fede.
2.3.1. Deve, in proposito, premettersi che il reato di danneggiamento aggravato per essere la cosa danneggiata esposta alla pubblica fede può avere ad oggetto sia le cose mobili che quelle immobili, poiché l’ambito di applicazione dell’aggravante ha riguardo alla qualità, alla destinazione e alla condizione delle cose indicate nell’art. 625 n. 7 cod. pen. e non anche alla natura mobile o immobile del bene danneggiato (Sez. 2, n. 23550 del 12/05/2009).
2.3.2. Ciò premesso, deve convenirsi con la dottrina che l’esposizione di una res alla pubblica fede comporta che essa si trovi “fuori dalla sfera di diretta vigilanza e quindi, affidata interamente all’altrui senso di onestà e di rispetto”, per necessità, consuetudine o destinazione naturale: la ratio della previsione risiede, quindi, come precisato acutamente da altra dottrina, nella “minorata possibilità di difesa connessa alla particolare situazione delle cose”.
Ne consegue che la predetta condizione non può mai ricorrere in riferimento alla saracinesca di un locale, all’interno del quale può essere presente il titolare, in relazione alla quale, quindi, l’aggravamento di pena comportato dalla circostanza de qua (o la rilevanza penale dei fatti di danneggiamento, al contrario assente in difetto della sua configurabilità) sarebbero privi di giustificazione.
3. In virtù di tali considerazioni, non può ritenersi che il fatto accertato abbia ad oggetto una res esposta alla pubblica fede; esso risulta, peraltro, pur sempre aggravato (e, quindi, tuttora penalmente rilevante, oltre che procedibile d’ufficio) dall’avere ad oggetto una res sottoposta a pignoramento

 

Suprema Corte di Cassazione

sezione II penale

sentenza 29 maggio 2017, n. 26858 

Ritenuto in fatto

Con la sentenza indicata in epigrafe, la Corte di appello di Palermo ha confermato la sentenza con la quale, in data 27.6.2013, il Tribunale della stessa città aveva dichiarato l’imputato L.R.S. , in atti generalizzato, colpevole del reato di danneggiamento aggravato dall’esposizione alla pubblica fede della saracinesca di un magazzino sottoposto a pignoramento, condannandolo alla pena ritenuta di giustizia.
Contro tale provvedimento, l’imputato ha proposto ricorso per cassazione, deducendo:
I – nullità della sentenza ex art. 606, comma 1, lett. B) e D), c.p.p., in relazione agli artt. 85 ed 89 c.p.;
II – nullità della sentenza ex art. 606, comma 1, lett. B) e C), c.p.p., in relazione agli artt. 635 c.p. e 336 ss. c.p.p..
All’odierna udienza pubblica, è stata verificata la regolarità degli avvisi di rito; all’esito, la parte presente ha concluso come da epigrafe, e questa Corte, riunita in camera di consiglio, ha deciso come da dispositivo in atti, pubblicato mediante lettura in pubblica udienza.

Considerato in diritto

La sentenza impugnata va annullata senza rinvio limitatamente alla circostanza aggravante dell’esposizione alla pubblica fede, che va eliminata; conseguentemente, essa va annullata limitatamente al trattamento sanzionatorio, con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Palermo per nuovo esame sul punto.
Il ricorso è nel resto inammissibile; l’affermazione di responsabilità va conseguentemente dichiarata irrevocabile.
1. Le doglianze esposte nel I motivo, riguardanti la presunta incapacità dell’imputato, sono meramente reiterative e del tutto assertive, e quindi prive della specificità necessaria ex art. 581, comma 1, lett. c), c.p.p., a fronte delle incensurabili contrarie argomentazioni della Corte di appello (f. 3 s. della sentenza impugnata).
2. Il secondo motivo è, in parte, fondato.
2.1. All’imputato si contesta di aver danneggiato cose sottoposte a pignoramento o comunque esposte alla pubblica fede (in particolare, la saracinesca di un magazzino, sottoposto a pignoramento).
2.2. Il collegio è consapevole dell’esistenza in subiecta materia di orientamenti contrastanti:
– nel senso dell’esclusione dell’esposizione alla pubblica fede della porta d’ingresso di un esercizio commerciale, Sez. V, n. 46187 del 13.10.2004, Rv. 231168 e Sez. II, n. 44331 del 12.11.2010, Rv. 249181; della porta d’ingresso di un’abitazione, Sez. II, n. 44953 dell’11.10.2016, Rv. 268318; della vetrina di un bar, ma alla presenza del titolare, Sez. II, n. 37889 del 22.9.2010, Rv. 248875;
– nel senso dell’esposizione alla pubblica fede della serranda, della vetrina e della mostra di un locale, Sez. I, n. 8088 del 23.5.1986, Rv. 173534; della vetrina di un locale pubblico affacciata sul marciapiede, Sez. II, n. 23282 del 17.3.2015, Rv. 263626).
2.3. Ritiene il collegio di condividere il primo orientamento, senz’altro dominante, e ri-espresso più di recente, e cioè che non possa ritenersi che la saracinesca di un locale sia, per sua vocazione, esposta alla pubblica fede.
2.3.1. Deve, in proposito, premettersi che il reato di danneggiamento aggravato per essere la cosa danneggiata esposta alla pubblica fede può avere ad oggetto sia le cose mobili che quelle immobili, poiché l’ambito di applicazione dell’aggravante ha riguardo alla qualità, alla destinazione e alla condizione delle cose indicate nell’art. 625 n. 7 cod. pen. e non anche alla natura mobile o immobile del bene danneggiato (Sez. 2, n. 23550 del 12/05/2009).
2.3.2. Ciò premesso, deve convenirsi con la dottrina che l’esposizione di una res alla pubblica fede comporta che essa si trovi “fuori dalla sfera di diretta vigilanza e quindi, affidata interamente all’altrui senso di onestà e di rispetto”, per necessità, consuetudine o destinazione naturale: la ratio della previsione risiede, quindi, come precisato acutamente da altra dottrina, nella “minorata possibilità di difesa connessa alla particolare situazione delle cose”.
Ne consegue che la predetta condizione non può mai ricorrere in riferimento alla saracinesca di un locale, all’interno del quale può essere presente il titolare, in relazione alla quale, quindi, l’aggravamento di pena comportato dalla circostanza de qua (o la rilevanza penale dei fatti di danneggiamento, al contrario assente in difetto della sua configurabilità) sarebbero privi di giustificazione.
3. In virtù di tali considerazioni, non può ritenersi che il fatto accertato abbia ad oggetto una res esposta alla pubblica fede; esso risulta, peraltro, pur sempre aggravato (e, quindi, tuttora penalmente rilevante, oltre che procedibile d’ufficio) dall’avere ad oggetto una res sottoposta a pignoramento.
3.1. La sentenza impugnata va, pertanto, annullata senza rinvio limitatamente alla circostanza aggravante dell’esposizione alla pubblica fede, che va eliminata; conseguentemente, venuta meno una circostanza aggravante, essa va annullata anche limitatamente al trattamento sanzionatorio, ma questa volta con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Palermo per nuovo esame sul punto.
3.2. Il ricorso è nel resto inammissibile: l’affermazione di responsabilità va conseguentemente dichiarata irrevocabile.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata limitatamente alla circostanza aggravante dell’esposizione alla pubblica fede, che elimina.
Annulla la sentenza impugnata limitatamente al trattamento sanzionatorio, con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Palermo per nuovo esame sul punto.
Dichiara inammissibile il ricorso nel resto e dichiara irrevocabile l’affermazione di responsabilità

 

archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale avvocato Bolognaavvocato penalistaavvocato penalista Bologna Bologna codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale omicidio comma 1 comma 2 difesa penale diritto penale fasi indagine penale indagini penale interrogatorio avviso conclusione infatti penalista esperto difensa penale reati graviavvocati penalisti Bolognaavvocati penalisti bolognaavvocato penalista esperto difesna penale vicenzaavvocato penalista studio legale diritto penale Bologna reato reato abituale reato ambientale reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamia reato bancarotta fraudolenta prescrizionereato banconote false reato denunciareato estinto casellario giudizialereato estorsione reato falso ideologicoreato falso in bilancio reato favoreggiamento immigrazione clandestina reato guida senza patentereato furto reato guida in stato di ebbrezza reato informatico reato ingiuriareato lesioni reato maltrattamenti in famiglia reato minaccia reato molestie sessuali reato omicidio stradale reato penale reato penale reato querelareato tentata truffa reato violenza privata prescrizione reato xenofobia rinvio a giudizioAvvocati penalisti di Bolognapenalistiavvocato penalista in Bolognaavvocato penalista Bolognastudio legale penale Bologna

 

abusi edilizi abusivismo affidamento appalti appalto appalto pubblico appelloassegno di mantenimento e divorzile Assicurazione avviso di accertamento avvocatobancarotta cartella esattoriale Codice degli appalti compenso avvocatocompravendita condominioconfisca D.Lgs. n. 74 del 2000D.Lgs. n. 163 del 2006 D.lgs n. 74/2000 Decreto legislativo 74 del 2000 diffamazione diritto bancariodiritto tributariodiritto urbanistico distanze dpr 309/1990 fallimento furto guida in stato di ebbrezza incidente stradale infortunio sul lavoroingiuria irap IVA lavoro subordinato lesionilicenziamento licenziamento disciplinare locazione misure cautelari misure cautelari personali misure cautelari realinotifiche omicidio colposo peculatopreliminare Presidente Amendola Adelaide Presidente AMORESANO SilvioPresidente BIANCHINI Bruno Presidente BUCCIANTE Ettore Presidente Chiarini Maria Margherita Presidente CONTI Giovanni Presidente DI PALMA Salvatore Presidente FIALE AldoPresidente FINOCCHIARO MarioPresidente FORTE Fabrizio Presidente IPPOLITO Francesco Presidente MACIOCE Luigi Presidente MANNINO SaverioPresidente MAZZACANE VincenzoPresidente NAPPI Aniello Presidente PAOLONI Giacomo Presidente PETITTI Stefano Presidente PICCIALLI LuigiPresidente RAGONESI Vittorio Presidente RORDORF Renato Presidente Rovelli Luigi Antonio Presidente RUSSO Libertino AlbertoPresidente SQUASSONI Claudia Presidente Stile Paolo Presidente VIVALDI Robertapubblico impiego Relatore BARRECA Giuseppina Luciana Relatore FRASCA RaffaeleRelatore MANNA Antonio Relatore ROSSETTI Marco responsabilità datore lavororesponsabilità ex art. 2043 c.c.responsabilità ex art. 2051 c.c.responsabilità medicarisarcimento danniseparazione coniugisequestro Sequestro preventivo stranierostupefacenti tributariotruffa violenza

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie