la bancarotta non è ‘sanata’ dal comportamento postumo dei soggetti beneficiari della distrazione, trattandosi di comportamento rimesso al loro sostanziale arbitrio. Rilevante è, sotto questo aspetto, la natura di reato di pericolo concreto riconosciuto dalla giurisprudenza alla bancarotta per distrazione, la quale comporta che ogni condotta idonea – concretamente – a pregiudicare la garanzia dei creditori rientra nel fuoco della norma (in questo senso, ex multis, Cass., n. 40982 del 15/5/2014).

 

 bancarotta fraudolenta 

 

sergioarmaroli.jpg

la bancarotta non è ‘sanata’ dal comportamento postumo dei soggetti beneficiari della distrazione, trattandosi di comportamento rimesso al loro sostanziale arbitrio. Rilevante è, sotto questo aspetto, la natura di reato di pericolo concreto riconosciuto dalla giurisprudenza alla bancarotta per distrazione, la quale comporta che ogni condotta idonea – concretamente – a pregiudicare la garanzia dei creditori rientra nel fuoco della norma (in questo senso, ex multis, Cass., n. 40982 del 15/5/2014).

 

 

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA AVVOCATO PENALISTA RIMINI AVVOCATO PENALISTA RAVENNA

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA
AVVOCATO PENALISTA RIMINI
AVVOCATO PENALISTA RAVENNA

 

Non esclude la distrazione la previsione dell’art. 2560, comma 2, cod. civ..

– secondo cui l’acquirente risponde, insieme all’alienante, dei debiti dell’azienda ceduta – giacché tale regola vale per la cessione dell’intera azienda e per i debiti risultanti dalle scritture contabili (e nulla è stato argomentato al riguardo) e perché i beni aziendali sono posti a garanzia della totalità delle obbligazioni dell’impresa, e non solo di quelle relative al ramo di azienda ceduto. Pertanto, la cessione del ramo d’azienda attuata – come nella specie – a condizioni estremamente svantaggiose per la cedente era senz’altro idonea a creare pregiudizio ai creditori della De.Mo.Ter. spa, quale che fosse l’origine del credito facente capo a questi ultimi.

1.2.3. Né la bancarotta è esclusa – sia per i beni ceduti che per quelli affittati – dal fatto che le società cessionarie ed affittuarie si fecero garanti della proposta di concordato avanzata dalla De.Mo.Ter. spa il 30-12-2011, per una molteplicità di motivi: a) perché le condizioni della proposta di concordato risentivano già del distacco dei beni dal patrimonio della proponente (distacco che metteva i creditori di fronte al fatto compiuto); b) perché non sono conosciute – e non sono state illustrate – le condizioni della garanzia (non è affatto detto, quindi, che avesse lo stesso valore economico delle distrazioni perpetrate); c) perché la bancarotta non è ‘sanata’ dal comportamento postumo dei soggetti beneficiari della distrazione, trattandosi di comportamento rimesso al loro sostanziale arbitrio. Rilevante è, sotto questo aspetto, la natura di reato di pericolo concreto riconosciuto dalla giurisprudenza alla bancarotta per distrazione, la quale comporta che ogni condotta idonea – concretamente – a pregiudicare la garanzia dei creditori rientra nel fuoco della norma (in questo senso, ex multis, Cass., n. 40982 del 15/5/2014).

1.3. Quanto all’elemento soggettivo – richiesto, com’è noto, nella forma del dolo generico – valgono le pertinenti osservazioni contenute nel provvedimento impugnato, ove è stato fatto rilevare che la costituzione della Brick srl al fine specifico di rendersi cessionaria del ramo d’azienda e il subitaneo trasferimento dello stesso alla Cubo spa, il tutto tra compagini societarie di impronta prettamente familiare, sono di per sé stessi indicativi dell’intenzionalità – e della consapevolezza – distrattiva in capo in capo ai protagonisti dell’operazione; tra cui, in prima fila, proprio la S. .

2. Infondato è anche l’ultimo profilo di doglianza. Infatti, quanto alla sussistenza delle ravvisate esigenze cautelari ed all’adeguatezza della misura imposta, i giudici del merito hanno puntualmente e del tutto coerentemente motivato, evocando la ‘facilità con cui la stessa ha messo la propria persona a disposizione del compagno, concorrendo nelle gravi condotte poste in essere da quest’ultimo e ‘risultando incapace di rifiutare ad assumere condotte opache e dalle evidenti finalità strumentali’. Quanto all’adeguatezza della misura (arresti domiciliari con divieto di comunicazione), hanno, anche in questo caso correttamente, evocato la insidiosità della condotta posta in essere e il numero dei soggetti coinvolti, rilevando che la reiterazione delle condotte può avvenire anche per interposta persona, ove venga allentato il regime degli arresti domiciliari. Il ricorso pertanto non può essere accolto, qui ulteriormente osservandosi che il giudizio sulla permanenza delle esigenze cautelari, agli effetti della conservazione della misura applicata, integra un giudizio di fatto che non è censurabile in sede di legittimità tutte le volte in cui, come nella specie, esso sia condotto e sviluppato nel rispetto delle regole che presiedono la logica dell’argomentare, e sia altresì fondato su una serie coerente di ragionevoli letture della realtà, secondo massime di comune esperienza ed in relazione all’id quod plerumque accidit.

 

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. V PENALE – SENTENZA 30 aprile 2015, n.18208 – Pres. Lapalorcia – est. Settembre

 

 

Ritenuto in fatto

 

1. Il Tribunale del riesame di Messina ha confermato la misura degli arresti domiciliari applicata dal Giudice delle indagini preliminari del locale Tribunale a S.P. per il reato di bancarotta fraudolenta distrattiva.

All’origine dell’incolpazione vi è il fallimento della De.Mo.Ter. spa, dichiarato dal Tribunale di Messina Tl-2-2013 dopo che era stata dichiarata inammissibile la domanda di concordato preventivo avanzata dalla società nel corso dell’istruttoria prefallimentare. Secondo l’accusa, condivisa dal giudicante, la De.Mo.Ter spa, di cui era amministratore di diritto B.B. e amministratore di fatto B.C. , quest’ultimo compagno della S. , cedette, a fini distrattivi, nel mese di settembre 2011, alla appena costituita Brick srl, di cui era amministratrice la S. , il ramo d’azienda denominato Italia 1 – costituito da lavori in corso, beni strumentali, crediti e debiti – a fronte del corrispettivo, assolutamente inadeguato, di 51mila Euro, tant’è che l’Agenzia delle entrate di Messina, all’esito del controllo effettuato sul valore dei beni dichiarati nella compravendita, rettificava in data 21 novembre 2012 il valore fiscale dell’azienda ceduta in Euro 5.433.670 (calcolo che teneva espressamente conto delle ingenti poste debitorie), e il Tribunale civile di Messina sottoponeva a sequestro giudiziario – nel 2014 – il ramo suddetto, proprio in considerazione della sproporzione tra la somma indicata in contratto e il valore del ramo ceduto. A conferma della valenza distrattiva dell’operazione viene fatto rilevare che, appena quindici giorni dopo la cessione, la Brick srl – senza alcuna apparente giustificazione economica – si scindeva e conferiva il ramo d’azienda appena acquistato nella Cubo s.p.a. (partecipata al 100% dalla Brick srl), trattenendo le passività (ammontanti a circa sei milioni di Euro). La Cubo spa era amministrata da Cucinotta Gianfranco, già dipendente della Demoter spa.

2. Le esigenze cautelari che il provvedimento ha inteso soddisfare sono collegate al pericolo di reiterazione delittuosa, non fronteggiabile – ritiene il Tribunale – con misure meno afflittive.

3. Avverso tale provvedimento ha proposto ricorso per Cassazione, nell’interesse dell’indagata, l’avv. Alberto Gullino, con censure che riguardano sia la gravità indiziaria che le ritenute esigenze cautelari.

3.1. Quanto ai gravi indizi di colpevolezza, lamenta che il Tribunale del riesame abbia dato per scontato che la cessione del ramo d’azienda a favore della Brick srl, e da questa alla Cubo spa, integrasse un’ipotesi distrattiva, omettendo di verificare se il distacco dei beni dal patrimonio aziendale fosse assistito da idonee contropartite e se il prezzo di cessione fosse ‘congruo in relazione alle condizioni della DEMOTER in quel particolare momento storico’. Se ciò avesse fatto, aggiunge il ricorrente, il Tribunale avrebbe dovuto concludere per la liceità dell’operazione, considerato che, all’epoca, si erano già manifestati tutti i problemi connessi al coinvolgimento di B.C. in vicende giudiziarie sfociate nell’adozione dell’interdittiva antimafia del settembre 2011.

Lamenta, poi, che anche su altri aspetti il Tribunale abbia omesso ogni forma di motivazione, non avendo spiegato perché siano da considerare fraudolente l’operazione contestata alla S. e quelle altre contestate a B.C. , tutte indicate nella proposta di concordato preventivo avanzata dalla società il 30-12-2011, giacché, per le cessioni, era sempre possibile la revocatoria fallimentare, mentre con l’affitto il bene non fuoriesce dal ‘compendio societario’. In ogni caso, aggiunge, qualsivoglia intenzione distrattiva è esclusa dal fatto che nella proposta di concordato avanzata dalla Demoter srl tutte le società affittuarie o cessionarie (compresa CUBO spa) si fecero garanti dell’adempimento. Lamenta, ancora, che alcun peso sia stato dato alle critiche difensive concernenti la consulenza del C.T. del P.M. e che sia stata indebitamente svalutata, a favore della prevenuta, la norma dell’art. 2560 c.c., che prevede la solidarietà dell’acquirente nei debiti dell’alienante. Infine, che non sia stato sufficientemente indagato l’elemento soggettivo della distrazione.

3.2. Quanto alla misura applicata, censura l’ordinanza nella parte in cui ha affermato l’esistenza di esigenze cautelare fronteggiabili con la misura degli arresti domiciliari, senza tener conto del tempo trascorso dai fatti, della personalità dell’indagata (semplice compagna di vita di B.C. e da questi coinvolta nei fatti per cui è procedimento) e della attualità della pericolosità, venuta meno – deduce – col fallimento della società, con il sequestro dei beni e il mutamento delle condizioni che hanno dato luogo alle operazioni a lei contestate. Soprattutto, lamenta che non sia stato spiegato perché le supposte esigenze cautelari non possano essere soddisfatte con misure meno afflittive.

 

Considerato in diritto

 

Il ricorso non merita accoglimento.

1. La censure mosse con riguardo ai gravi indizi di colpevolezza sono manifestamente infondate. La ricorrente ripropone, in maniera disorganica, la tesi sostenuta in giudizio, confrontandosi in maniera molto limitata e parziale con gli argomenti del giudicante e limitandosi – il più delle volte – ad affermazioni apodittiche e congetturali e incorrendo in errori di diritto, di cui verrà dato atto nel prosieguo. A S.P. viene contestato di aver cooperato col compagno B.C. nella distrazione di importanti poste attive della società fallita, rappresentate, nello specifico, da un cospicuo ramo d’azienda, prima ceduto alla Brick srl e poi da questa trasferito alla Cubo spa. Sul punto, nessuna pertinente censura è stata sollevata dalla difesa dell’indagata. Peraltro, la valenza distrattiva dell’operazione è in sé e null’altro – oltre all’esposizione del meccanismo distrattivo ideato e mandato ad esecuzione;

– aveva da aggiungere il giudice di merito, posto che non vengono nemmeno contestati i valori esposti nel provvedimento. Né è dato comprendere la pertinenza dell’unica giustificazione fornita dalla ricorrente – evitare la perdita della commessa -, dal momento che l’operazione poteva (e doveva) essere condotta in maniera rispettosa degli interessi della cedente.

1.2. Le censure – di carattere più generale – che si riferiscono alla totalità delle operazioni poste in essere dalla compagine familiare di S. sono anch’esse manifestamente infondate (ci si riferisce, in questo caso, alle censure che toccano da vicino la posizione di S.P. ).

1.2.1. Invero, il fatto che potesse esercitarsi revocatoria fallimentare sulle cessioni passate in rassegna non assume rilevanza alcuna nel discorso che interessa, giacché, in tema di bancarotta fraudolenta, il recupero del bene distratto a seguito di azione revocatoria non spiega alcun rilievo sulla sussistenza dell’elemento materiale del reato di bancarotta, il quale – perfezionato al momento del distacco del bene dal patrimonio dell’imprenditore – viene a giuridica esistenza con la dichiarazione di fallimento, mentre il recupero della ‘res’ rappresenta solo un ‘posterius’ – equiparabile alla restituzione della refurtiva dopo la consumazione del furto – avendo il legislatore inteso colpire la manovra diretta alla sottrazione, con la conseguenza che è tutelata anche la mera possibilità di danno per i creditori (Cass. n. 39635 del 23/9/2010).

1.2.2. Non esclude la distrazione la previsione dell’art. 2560, comma 2, cod. civ..

– secondo cui l’acquirente risponde, insieme all’alienante, dei debiti dell’azienda ceduta – giacché tale regola vale per la cessione dell’intera azienda e per i debiti risultanti dalle scritture contabili (e nulla è stato argomentato al riguardo) e perché i beni aziendali sono posti a garanzia della totalità delle obbligazioni dell’impresa, e non solo di quelle relative al ramo di azienda ceduto. Pertanto, la cessione del ramo d’azienda attuata – come nella specie – a condizioni estremamente svantaggiose per la cedente era senz’altro idonea a creare pregiudizio ai creditori della De.Mo.Ter. spa, quale che fosse l’origine del credito facente capo a questi ultimi.

1.2.3. Né la bancarotta è esclusa – sia per i beni ceduti che per quelli affittati – dal fatto che le società cessionarie ed affittuarie si fecero garanti della proposta di concordato avanzata dalla De.Mo.Ter. spa il 30-12-2011, per una molteplicità di motivi: a) perché le condizioni della proposta di concordato risentivano già del distacco dei beni dal patrimonio della proponente (distacco che metteva i creditori di fronte al fatto compiuto); b) perché non sono conosciute – e non sono state illustrate – le condizioni della garanzia (non è affatto detto, quindi, che avesse lo stesso valore economico delle distrazioni perpetrate); c) perché la bancarotta non è ‘sanata’ dal comportamento postumo dei soggetti beneficiari della distrazione, trattandosi di comportamento rimesso al loro sostanziale arbitrio. Rilevante è, sotto questo aspetto, la natura di reato di pericolo concreto riconosciuto dalla giurisprudenza alla bancarotta per distrazione, la quale comporta che ogni condotta idonea – concretamente – a pregiudicare la garanzia dei creditori rientra nel fuoco della norma (in questo senso, ex multis, Cass., n. 40982 del 15/5/2014).

1.3. Quanto all’elemento soggettivo – richiesto, com’è noto, nella forma del dolo generico – valgono le pertinenti osservazioni contenute nel provvedimento impugnato, ove è stato fatto rilevare che la costituzione della Brick srl al fine specifico di rendersi cessionaria del ramo d’azienda e il subitaneo trasferimento dello stesso alla Cubo spa, il tutto tra compagini societarie di impronta prettamente familiare, sono di per sé stessi indicativi dell’intenzionalità – e della consapevolezza – distrattiva in capo in capo ai protagonisti dell’operazione; tra cui, in prima fila, proprio la S. .

2. Infondato è anche l’ultimo profilo di doglianza. Infatti, quanto alla sussistenza delle ravvisate esigenze cautelari ed all’adeguatezza della misura imposta, i giudici del merito hanno puntualmente e del tutto coerentemente motivato, evocando la ‘facilità con cui la stessa ha messo la propria persona a disposizione del compagno, concorrendo nelle gravi condotte poste in essere da quest’ultimo e ‘risultando incapace di rifiutare ad assumere condotte opache e dalle evidenti finalità strumentali’. Quanto all’adeguatezza della misura (arresti domiciliari con divieto di comunicazione), hanno, anche in questo caso correttamente, evocato la insidiosità della condotta posta in essere e il numero dei soggetti coinvolti, rilevando che la reiterazione delle condotte può avvenire anche per interposta persona, ove venga allentato il regime degli arresti domiciliari. Il ricorso pertanto non può essere accolto, qui ulteriormente osservandosi che il giudizio sulla permanenza delle esigenze cautelari, agli effetti della conservazione della misura applicata, integra un giudizio di fatto che non è censurabile in sede di legittimità tutte le volte in cui, come nella specie, esso sia condotto e sviluppato nel rispetto delle regole che presiedono la logica dell’argomentare, e sia altresì fondato su una serie coerente di ragionevoli letture della realtà, secondo massime di comune esperienza ed in relazione all’id quod plerumque accidit.

3. In conclusione, essendo infondati o inammissibili tutti i motivi di doglianza, il ricorso va rigettato; ai sensi dell’art. 592 c.p.p., comma 1, e art. 616 c.p.p. la ricorrente va condannata al pagamento delle spese del procedimento.

 

P.Q.M.

 

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

bancarotta reato bancarotta reato di pericolo concreto
bancarotta reato di evento
bancarotta reato contro il patrimonio
bancarotta reato prescrizione
bancarotta reato proprio
bancarotta reato penale
bancarotta reato 231
bancarotta reato complesso
bancarotta reato contro
1
bancarotta reato di pericolo concreto 2
bancarotta reato di evento bancarotta fraudolenta reato di evento
2
bancarotta reato contro il patrimonio bancarotta fraudolenta reato contro il patrimonio
reati contro il patrimonio bancarotta
2
bancarotta reato prescrizione reato bancarotta fraudolenta prescrizione
bancarotta fraudolenta prescrizione del reato
reato di bancarotta fraudolenta prescrizione
2
bancarotta reato proprio 2
bancarotta reato penale reato di bancarotta codice penale
bancarotta fraudolenta reato penale
2
bancarotta reato 231 bancarotta reato presupposto 231
2
bancarotta reato complesso bancarotta fraudolenta reato complesso
2
bancarotta reato contro bancarotta reato contro
bancarotta fraudolenta reato contro
bancarotta fraudolenta reato contro il patrimonio

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Related Post

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie