AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA REMISSIONE DI QUERELA ,OCCORRE SEMPRE PROVARCI !

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA:REMISSIONE DI QUERELA ,OCCORRE SEMPRE PROVARCI !

ABANCOSCERITTA

il caso all’esame della Corte pone due questioni di diritto connesse:

– se sia ammissibile un ricorso tempestivo che nessuna censura rivolga alla sentenza precedente, richiedendo una modifica della statuizione solo sulla base di una sopravvenuta rituale remissione della querela;

– se tale remissione di querela, intervenuta tra la deliberazione della sentenza d’appello e la scadenza del termine per impugnare davanti alla corte di cassazione, renda per sè utilmente dichiarabile l’intervenuta estinzione del reato.

2.1 La soluzione positiva ad entrambe le questioni risulta imposta dalle argomentazioni che hanno condotto le Sezioni unite di questa Corte suprema all’insegnamento per cui la remissione della querela intervenuta successivamente ad un ricorso inammissibile, purchè proposto nei termini indicati dall’art. 585 c.p.p., determina l’estinzione del reato per tale causa (SU sent. 24246 del 25.2 – 27.5.2004 in proc. Chiasserini).

Se infatti i casi concreti sono diversi – lì un ricorso tempestivo ma originariamente inammissibile e la sopravvenuta remissione, qui un ricorso proposto tempestivamente dopo la remissione, che pertanto non è sopravvenuta ma preesiste al ricorso; lì il ricorso “attaccava” la sentenza, sia pure con motivi inammissibili, qui il ricorso costituisce esclusivamente il mezzo per introdurre nel processo, dopo la sentenza conclusiva del merito e prima della scadenza del termine per impugnare, la causa estintiva – tuttavia le ragioni che hanno condotto le Sezioni unite ad evidenziare la peculiarità della causa estintiva della remissione della querela, in ragione soprattutto della disciplina sostanziale specifica data dall’art. 152 c.p., comma 3, non possono che estendere la loro rilevanza ed efficacia anche al nostro caso.

 

avvocato cassazionista bella

Cassazione penale sez. VI del 13 gennaio 2011 n. 2248

  1. Avverso la sentenza della Corte d’appello di Lecce, che in data 10 – 20.5.2010 confermava la condanna inflitta il 21.11.2007 a C. C. dal Tribunale di Lecce/Tricase, per il reato di cui agli artt. 81 e 393 c.p. consumato il 26.2.2004, nell’interesse dell’imputato ricorre per cassazione il difensore fiduciario, con unico motivo rappresentando e documentando che dopo la deliberazione della sentenza d’appello e prima del decorso del termine per la proposizione del ricorso è intervenuta la remissione della querela che aveva dato origine al processo, con contestuale accettazione, chiedendo quindi l’estinzione del reato per la sopravvenuta mancanza della condizione di procedibilità.
  2. il caso all’esame della Corte pone due questioni di diritto connesse:

– se sia ammissibile un ricorso tempestivo che nessuna censura rivolga alla sentenza precedente, richiedendo una modifica della statuizione solo sulla base di una sopravvenuta rituale remissione della querela;

– se tale remissione di querela, intervenuta tra la deliberazione della sentenza d’appello e la scadenza del termine per impugnare davanti alla corte di cassazione, renda per sè utilmente dichiarabile l’intervenuta estinzione del reato.

2.1 La soluzione positiva ad entrambe le questioni risulta imposta dalle argomentazioni che hanno condotto le Sezioni unite di questa Corte suprema all’insegnamento per cui la remissione della querela intervenuta successivamente ad un ricorso inammissibile, purchè proposto nei termini indicati dall’art. 585 c.p.p., determina l’estinzione del reato per tale causa (SU sent. 24246 del 25.2 – 27.5.2004 in proc. Chiasserini).

Se infatti i casi concreti sono diversi – lì un ricorso tempestivo ma originariamente inammissibile e la sopravvenuta remissione, qui un ricorso proposto tempestivamente dopo la remissione, che pertanto non è sopravvenuta ma preesiste al ricorso; lì il ricorso “attaccava” la sentenza, sia pure con motivi inammissibili, qui il ricorso costituisce esclusivamente il mezzo per introdurre nel processo, dopo la sentenza conclusiva del merito e prima della scadenza del termine per impugnare, la causa estintiva – tuttavia le ragioni che hanno condotto le Sezioni unite ad evidenziare la peculiarità della causa estintiva della remissione della querela, in ragione soprattutto della disciplina sostanziale specifica data dall’art. 152 c.p., comma 3, non possono che estendere la loro rilevanza ed efficacia anche al nostro caso.

Le Sezioni unite hanno infatti evidenziato che la soluzione peculiare per questa causa estintiva prescinde da modelli interpretativi di diritto processuale – che, invece, altrimenti giustificano una disciplina uniforme delle cause di estinzione a fronte dell’inammissibilità dell’impugnazione dovendo invece essere coordinata con i precetti di diritto sostanziale (in particolare il richiamato art. 152 c.p., comma 3), che impongono di ritenere che “solo la scadenza del termine per impugnare precluda l’applicazione di tale causa estintiva”, determinando il giudicato formale, ex art. 648 c.p.p., comma 2. In particolare, “l’espressione ‘condannà – contenuta nell’art. 152 c.p., comma 3 – viene adottata, di norma, nel codice penale sostanziale sempre nel senso di condanna irrevocabile coincidente con la formazione del giudicato formale”. Anche sul piano logico sistematico, “il fondamento politico-criminale della remissione è omogeneo e speculare a quello della querela, rappresentando l’espressione di un diritto potestativo, esercitatile, ovviamente, dopo l’esercizio del diritto di querela, volto ad estinguere gli effetti della condizione di procedibilità già azionata”. La “natura di istituto di diritto sostanziale”, riconoscibile alla remissione della querela, le assegna quindi – rispetto alle altre cause estintive – quella “specificità” “da ricollegare direttamente all’effetto estintivo che essa è in grado di produrre … collegandosi direttamente all’esercizio dell’azione penale in forza dell’esercizio di un diritto potestativo del querelante, diretto, attraverso un contrarius actus, a porre nel nulla la condizione per l’inizio dell’azione penale. Donde la necessità di attribuire alla voluntas del remittente la massima valenza sul piano del possibile giuridico”.

2.2 Ora, se la commentata e ritenuta peculiarità della remissione della querela – quale causa estintiva che si ricollega direttamente alla contraria ed originaria volontà che, indispensabile ed unica ragione sistematica, ha dato causa all’azione penale nella fattispecie concreta – può operare fino al giudicato formale (la “condanna” di cui all’art. 152 c.p., comma 3), così superando l’irregolarità del ricorso che sia però tempestivo, certamente essa non può che operare anche in precedenza, ed in particolare quando il termine per impugnare non sia ancora scaduto.

In tale evenienza allora – in parallela eccezione al principio generale per il quale il ricorso che non contenga censure alla decisione che lo precede è una “non impugnazione” (o “impugnazione apparente”) e, quindi, necessariamente inammissibile perchè intrinsecamente inidoneo ad introdurre il segmento processuale successivo, che è, appunto e solo, giudizio di impugnazione – deve anche concludersi che sia ammissibile il ricorso proposto, nei termini, al solo fine di dare ingresso e rilievo a tale sopravvenuta e specifica causa di estinzione del reato, non essendosi ancora perfezionato il giudicato formale e quindi la “condanna” di cui all’art. 152 c.p., comma 3.

Del resto, la previsione del capoverso dell’art. 609 c.p., laddove prevede che la corte di cassazione decida anche le questioni che non sarebbe stato possibile dedurre in grado di appello, finisce con il costituire la base sistematica per dare rilievo a “fatti” giuridicamente “assorbenti” che siano sopravvenuti non solo al termine per la proposizione dell’appello ma pure alla stessa sentenza di secondo grado, e tuttavia prima della formazione preclusiva del giudicato formale con il decorso vano dei termini di impugnazione (in tal senso Sez. 5, sent. 31911 del 16.3 – 27.8.2001 in un caso di abrogazione del reato dopo la sentenza che chiude la fase di merito e prima della scadenza del termine di impugnazione: è significativo che nella motivazione di questa sentenza la Corte, sia pure a solo titolo esemplificativo e quindi con obiter dictum, abbia richiamato proprio il caso della remissione di querela che intervenga prima del passaggio in giudicato della sentenza di merito).

Devono pertanto affermarsi questi due principi di diritto:

– è ammissibile il ricorso proposto al solo fine di introdurre nel processo la remissione della querela, ritualmente accettata, intervenuta dopo la sentenza che chiude il giudizio di merito e prima della scadenza del termine per l’impugnazione;

– la remissione della querela, ritualmente accettata, intervenuta dopo la sentenza che chiude il giudizio di merito e prima della scadenza del termine per l’impugnazione estingue il reato.

2.3 A quanto argomentato consegue l’accoglimento del ricorso e l’annullamento senza rinvio della sentenza impugnata, perchè il reato è estinto per remissione della querela.

Il ricorrente, querelato, va condannato al pagamento delle spese processuali, non essendosi diversamente convenuto nell’atto di remissione (art. 340 c.p.p., comma 4).

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perchè il reato è estinto per remissione della querela.

Condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Così deciso in Roma, il 13 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 22 gennaio 2011

archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista Bologna Bologna codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale omicidio comma 1 comma 2 difesa penale diritto penale fasi indagine penale indagini penale interrogatorio avviso conclusione infatti penalista esperto difensa penale reati graviavvocati penalisti Bolognaavvocati penalisti bolognaavvocato penalista esperto difesna penale vicenzaavvocato penalista studio legale diritto penale Bologna reato reato abituale reato ambientale reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamia reato bancarotta fraudolenta prescrizione reato banconote false reato denuncia reato estinto casellario giudiziale reato estorsione reato falso ideologico reato falso in bilancio reato favoreggiamento immigrazione clandestina reato guida senza patente reato furto reato guida in stato di ebbrezza reato informatico reato ingiuria reato lesioni reato maltrattamenti in famiglia reato minaccia reato molestie sessuali reato omicidio stradale reato penale reato penale reato querela reato tentata truffa reato violenza privata prescrizione reato xenofobia rinvio a giudizioAvvocati penalisti di Bolognapenalistiavvocato penalista in Bolognaavvocato penalista Bologna studio legale penale Bologna

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie