AFOTPEN

DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARI l

DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI FAMIGLIARI

 

DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARI l

DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARI l

Cio’ premesso, va rilevato che il concetto di incapacita’ economica comportante l’impossibilita’ di adempiere in tutto o in parte agli obblighi assistenziali familiari risulta, tuttora, centrale nella giurisprudenza da tempo elaborata da questa Corte di legittimita’ al fine di valutare l’eventuale irrilevanza penale della condotta sanzionata dall’articolo 570 c.p., comma 2 dal momento che esso rappresenta un limite interno, non riconducibile in realta’ ad alcuna delle esimenti codificate (articolo 50 c.p. e segg.) ma piuttosto espressivo del principio di esigibilita’ della condotta da parte del reo, traduzione di quello costituzionale di responsabilita’ personale consapevole e non oggettiva che informa l’intero ordinamento penale.

DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARI l PENALE BOLOGNA

DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARI l PENALE BOLOGNA

APEN6AREATI

Proprio per tale motivo, l’eventuale suo accertamento impone una verifica particolarmente attenta da parte del giudice di merito, che come punto di riferimento ha per l’appunto la rigorosa giurisprudenza sopra ricordata, la quale richiede, ai fini dell’esenzione da responsabilita’, la prova dell’assoluta impossibilita’ di contribuire al mantenimento della prole (Sez. 6, sent. n. 23017 del 29/05/2014, P., Rv. 259955), di una concreta e totale impossibilita’ di far fronte ai propri obblighi (Sez. 6, sent. n. 1283 del 25/06/1999, dep. 2000, Morfeo, Rv. 216826), di una indigenza assoluta da parte dell’obbligato (Sez. 6, sent. n. 5969 del 23/01/1997, Parisella G, Rv. 208307), di uno stato di vera e propria indigenza economica determinate l’impossibilita’ di adempiere, sia pure in parte, alla prestazione (Sez. 6, sent. n. 5780 del 01/03/1995, Ferraioli, Rv. 201674; Sez. 6, sent. n. 5218 del 15/03/1988, Grassi, Rv. 178252; Sez. 6, sent. n. 10540 del 14/06/1984, Spinelli, Rv. 166832).

Se alle predette considerazioni si aggiunge che il delitto previsto dalla L. 1 dicembre 1970, n. 898, articolo 12 sexies si configura per il semplice inadempimento dell’obbligo di corresponsione dell’assegno nella misura disposta dal giudice in sede di divorzio, prescindendo – a differenza del caso dell’articolo 570, comma 2 cit. – dalla prova dello stato di bisogno dell’avente diritto (per tutte v. Sez. 6, sent. n. 44086 del 14/10/2014, P., Rv. 260717), ne consegue che le valutazioni operate dalla Corte d’appello di Milano, che appaiono certamente rigorose, risultano tuttavia conformi all’interpretazione costante del citato concetto, valutazioni evidentemente non condivise dalla ricorrente ma che non per questo risultano censurabili in quanto viziate da una (addirittura) totale carenza di motivazione

Suprema Corte di Cassazione

sezione VI penale

sentenza 5 giugno 2017, n. 27788

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROTUNDO Vincenzo – Presidente

Dott. VILLONI Orlando – rel. Consigliere

Dott. GIORDANO Emilia Anna – Consigliere

Dott. CORBO Antonio – Consigliere

Dott. SILVESTRI Pietro – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), n. (OMISSIS);

avverso la sentenza n. 280/16 della Corte d’Appello di Milano del 15/01/2016;

esaminati gli atti e letti il ricorso e il provvedimento decisorio impugnato;

udita in camera di consiglio la relazione del Consigliere, Dott. O. Villoni;

udito il Pubblico Ministero in persona del sostituto P.G., Dr. Tampieri L., che ha concluso per l’inammissibilita’;

sentito il difensore della ricorrente, avv. (OMISSIS), che ha insistito per l’accoglimento del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

  1. Con la sentenza impugnata la Corte d’Appello di Milano ha ribadito la responsabilita’, gia’ affermata in primo grado, di (OMISSIS) in ordine al reato di cui alla L. n. 898 del 1970, articolo 12-sexies in relazione all’articolo 570 c.p., commi 1 e 2, con conferma della condanna alla pena ritenuta di giustizia e delle statuizioni in favore della parte civile costituita (OMISSIS), in qualita’ di legale rappresentante dei figli minori (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS).

La Corte territoriale ha ritenuto irrilevanti tutte le giustificazioni allegate dalla imputata a sostegno della propria incapacita’ economica ad adempiere agli obblighi di assistenza familiare, confermando cosi’ le valutazioni e le determinazioni assunte dal primo giudice.

  1. Avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’imputata, che articola i seguenti motivi d’impugnazione.

Erronea applicazione della legge penale in riferimento alla L. n. 898 del 1970, articolo 12-sexies e omessa motivazione in ordine all’accertamento dell’elemento psicologico del reato.

Mancanza e contraddittorieta’ della motivazione in ordine alle allegate condizioni economiche di natura tali da non consentirle di affrontare per l’intero gli obblighi civili impostile in sede di giudizio di divorzio, in relazione al comprovato stato di soggetto incolpevolmente disoccupato.

CONSIDERATO IN DIRITTO

  1. Il ricorso deve essere dichiarato inammissibile per le ragioni di seguito indicate.
  2. Con il primo motivo, l’imputata lamenta che la sentenza impugnata risulta del tutto priva di motivazione in ordine all’accertamento dell’elemento soggettivo del reato.

La doglianza e’ destituita di fondamento, atteso che la Corte territoriale, dopo avere ricordato che il reato contestato si consuma col mero inadempimento da parte del soggetto obbligato, ha compiutamente vagliato gli elementi allegati dall’imputata a sostegno della sua protestata incapacita’ ad assolvere all’obbligo economico stabilito dal giudice in sede di divorzio (tenore delle buste paga prodotte, risultanze delle dichiarazioni fiscali, documentazione attinente allo stato di disoccupazione), ritenendoli tuttavia insufficienti a dimostrare uno ‘stato di assoluta ed incolpevole indigenza’; la Corte milanese ha anzi definito l’imputata “donna ancora giovane (…) rassegnatasi alla penuria di offerte lavorative” e appagata della convivenza poi divenuta relazione affettiva con l’attuale compagno, in forza della quale ha posto soluzione ai suoi problemi personali ma non a quelli derivanti dagli obblighi legali nei confronti della prole rimasta a convivere con il genitore divorziato.

Cio’ premesso, va rilevato che il concetto di incapacita’ economica comportante l’impossibilita’ di adempiere in tutto o in parte agli obblighi assistenziali familiari risulta, tuttora, centrale nella giurisprudenza da tempo elaborata da questa Corte di legittimita’ al fine di valutare l’eventuale irrilevanza penale della condotta sanzionata dall’articolo 570 c.p., comma 2 dal momento che esso rappresenta un limite interno, non riconducibile in realta’ ad alcuna delle esimenti codificate (articolo 50 c.p. e segg.) ma piuttosto espressivo del principio di esigibilita’ della condotta da parte del reo, traduzione di quello costituzionale di responsabilita’ personale consapevole e non oggettiva che informa l’intero ordinamento penale.

Proprio per tale motivo, l’eventuale suo accertamento impone una verifica particolarmente attenta da parte del giudice di merito, che come punto di riferimento ha per l’appunto la rigorosa giurisprudenza sopra ricordata, la quale richiede, ai fini dell’esenzione da responsabilita’, la prova dell’assoluta impossibilita’ di contribuire al mantenimento della prole (Sez. 6, sent. n. 23017 del 29/05/2014, P., Rv. 259955), di una concreta e totale impossibilita’ di far fronte ai propri obblighi (Sez. 6, sent. n. 1283 del 25/06/1999, dep. 2000, Morfeo, Rv. 216826), di una indigenza assoluta da parte dell’obbligato (Sez. 6, sent. n. 5969 del 23/01/1997, Parisella G, Rv. 208307), di uno stato di vera e propria indigenza economica determinate l’impossibilita’ di adempiere, sia pure in parte, alla prestazione (Sez. 6, sent. n. 5780 del 01/03/1995, Ferraioli, Rv. 201674; Sez. 6, sent. n. 5218 del 15/03/1988, Grassi, Rv. 178252; Sez. 6, sent. n. 10540 del 14/06/1984, Spinelli, Rv. 166832).

Se alle predette considerazioni si aggiunge che il delitto previsto dalla L. 1 dicembre 1970, n. 898, articolo 12 sexies si configura per il semplice inadempimento dell’obbligo di corresponsione dell’assegno nella misura disposta dal giudice in sede di divorzio, prescindendo – a differenza del caso dell’articolo 570, comma 2 cit. – dalla prova dello stato di bisogno dell’avente diritto (per tutte v. Sez. 6, sent. n. 44086 del 14/10/2014, P., Rv. 260717), ne consegue che le valutazioni operate dalla Corte d’appello di Milano, che appaiono certamente rigorose, risultano tuttavia conformi all’interpretazione costante del citato concetto, valutazioni evidentemente non condivise dalla ricorrente ma che non per questo risultano censurabili in quanto viziate da una (addirittura) totale carenza di motivazione.

Il secondo motivo di ricorso rappresenta, infine, null’altro che una diversa esposizione delle ragioni che sorreggono il primo e per il quale valgono le argomentazioni ora espresse.

  1. Alla dichiarazione d’inammissibilita’ dell’impugnazione segue, come per legge la condanna della ricorrente al pagamento delle spese processuali e di una somma in favore della cassa delle ammende che si reputa equo determinare nella misura di Euro 1.500,00 (millecinquecento).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro millecinquecento in favore della cassa delle ammende.

archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penaarchiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penaleavvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista Bologna Bologna codice penale lesioni gravi codice penale omicidio comma 1comma 2 difesa penale diritto penale fasi indagine penaleindagini penale interrogatorio avviso conclusione infatti penalista esperto difensa penale reati graviavvocati penalisti Bolognaavvocati penalisti bolognaavvocato penalista esperto difesna penale vicenzaavvocato penalista studio legale diritto penale Bologna quindi reato reato abitualereato ambientale reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamiareato bancarotta fraudolenta prescrizione reato banconote false reato estinto casellario giudiziale reato estorsione reato falso ideologico reato falso in bilancio reato favoreggiamento immigrazione clandestina reato guida senza patente reato furto reato guida in stato di ebbrezza reato informatico reato ingiuria reato lesioni reato maltrattamenti in famiglia reato minaccia reato molestie sessuali reato omicidio stradale reato penale reato penale reato querelareato tentata truffa reato violenza privata prescrizione reato xenofobia rinvio a giudizioAvvocati penalisti di Bolognapenalistiavvocato penalista in Bolognaavvocato penalista Bolognastudio legale penale DIVORZI RAVENNA RIMINI FORLI CESENA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARI l

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

More from my site

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie