CALUNNIA REATO ,ASSOLUZIONE AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA Non integra pertanto il delitto di calunnia la denuncia di un fatto realmente accaduto, ma non riconducibile ad alcuna norma incriminatrice, nonostante l’eventuale qualificazione

CALUNNIA REATO ,ASSOLUZIONE AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

 

Non integra pertanto il delitto di calunnia la denuncia di un fatto realmente accaduto, ma non riconducibile ad alcuna norma incriminatrice, nonostante l’eventuale qualificazione

prospettata dal denunciante in relazione a specifiche fattispecie di reato (Sez. 6, n. 34825 del 01/07/2009, Rocchetta, Rv. 244767; Sez. 6, n. 37795 del 10/06/2010, Lelli, Rv. 248512; Sez. 6, n. 26542 del 16/06/2015, Carignano, Rv. 263918).

Manca in tali casi un’alterazione della realtà suscettibile di determinare l’indebita incolpazione dell’accusato (Sez. 6, n. 1638 del 07/11/2002, dep. 2003, Volonterio, Rv. 223246).

3. Nell’atto dì querela incriminato, il prevenuto ha esposto che l’amministratore del condominio presso il quale egli svolgeva l’attività di portiere e custode aveva inserito in uno deipunti posti all’ordine del giorno dell’assemblea convocata per i giorni 23 e 24 marzo

 

 

 

Cassazione penale, sez. VI, 29/01/2016, (ud. 29/01/2016, dep.11/02/2016), n. 5740

Intestazione

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IPPOLITO Francesco Dott. CARCANO Domenico Dott. TRONCI Andrea Dott. CALVANESE Ersilia – Presidente – – Consigliere – – Consigliere – – Consigliere – Dott. SCALIA Laura – rel. Consigliere – ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da: A.A., nato a (OMISSIS);

avverso la sentenza del 25/03/2015 della Corte di appello di Milano; visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. SCALIA Laura;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. SPINACI Sante, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’avv. SPEZZIGA V. che insiste per l’accoglimento.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

  1. La Corte di appello di Milano, parzialmente riformando, in punto di concessione del beneficio della non menzione, la sentenza resa in primo grado dal Tribunale di Milano, che per il resto è stata confermata, ha ritenuto A.A. colpevole del reato di calunnia (art. 368 c.c.) per aver egli incolpato, con denuncia – querela sporta

alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, D.R.U., amministratore del condominio corrente in (OMISSIS),

 

di diffamazione, aggravata dall’attribuzione di un fatto determinato e dall’abuso della relazione di ufficio (art. 595 c.p., comma 2 e art. 61 c.p., n. 11) reato che il denunciante sapeva non essere stato commesso.

  1. Avverso la sentenza di appello ricorre la difesa del prevenuto che propone sei motivi, i cui contenuti possono sintetizzarsi nei termini che seguono.

2.1. Con il primo motivo, che deduce vizi di motivazione e violazione di legge (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. b) ed e) la difesa evidenzia che l’ A. presentò querela avverso l’amministratore del condominio, ritenendo che l’inserimento all’ordine del giorno della futura assemblea delle determinazioni da adottarsi per la contestatagli condotta di occultamento della posta del condominio, lo esponesse personalmente al sospetto ed alla curiosità altrui, mettendo in dubbio la sua reputazione.

Sottolinea che i comportamenti denunciati erano realmente accaduti e furono attribuiti a chi ne era stato l’autore, spettando poi all’autorità giudiziaria verificare se il comportamento descritto in denuncia costituisca o meno reato.

2.2. Con il secondo motivo, il ricorrente denuncia violazionedella legge penale (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. b) nonchè mancanza ed illogicità della motivazione (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. e) nella ricostruzione all’elemento soggettivo del reato di calunnia e ciò anche per un errato governo degli esiti probatori (art. 192 c.p.p., comma 2).

Questi ultimi, invero, erano stati ritenuti dalla Corte territoriale, e prima ancora dal Tribunale rilevanti pur in difetto dei necessari indici di gravita, precisione e concordanza.

Era stato infatti ritenuto che l’imputato avesse denunciato per diffamazione l’amministratore del condominio – costituitosi parte civile – accusandolo, nella piena consapevolezza della sua innocenza, al fine di precostituirsi un supporto nella causa civile dal prevenuto intrapresa

per opporsi a quel licenziamento, nel frattempo intimatogli in esito ai fatti in imputazione. La difesa contesta ogni collegamento tra la denuncia e l’impugnazione del licenziamento non risultando la prima utilizzata nel giudizio civile e non essendo il prevenuto, quando sporse denuncia, ancora a conoscenza dell’esatta contestazione che allo stesso sarebbe poi stata mossa per l’intimato licenziamento.

2.3. Con il terzo motivo, il ricorrente lamenta violazione di legge (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. b) quanto ai condotti accertamentidegli elementi costitutivi oggettivi e soggettivi del reato di calunnia e ancora quanto alla violazione delle regole di valutazione della prova (art. 192 c.p.p.).

2.4. Con il quarto motivo, la parte censura ancora la sentenza per mancanza e contraddittorietà della motivazione e violazione di legge per errata valutazione delle prove (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. b) ed e), anche in relazione all’art. 192 c.p.p.) e per violazione del principio della necessità del superamento del ragionevole dubbio necessario per pervenire a giudizio di colpevolezza (art. 533 c.p.p.).

2.5. Con il quinto motivo, il ricorrente fa valere violazione di legge e vizio di motivazione per contraddittorietà (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. b) ed e) per avere il Tribunale, dapprima, e quindi la Corte di appello, escluso la configurabilità dell’attenuante di cui all’art. 62 c.p., n. 2, erroneamente stimando i rapporti esistenti tra querela sporta dal prevenuto e l’intimato licenziamento.

2.6. Infine la difesa lamenta mancanza di motivazione (art. 606 c.p.p., comma 1, lett. e)

quanto alle adottate statuizioni civili, censurando l’intervenuto riconoscimento del pregiudizio morale in capo alla costituita parte civile in difetto di prova.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1.Il ricorso è fondato per i motivi di seguito indicati, motivi enunciati nei termini strettamente necessari a sostenere la decisione adottata (art. 173 disp. att. c.p.p., comma 1).

  1. Per la configurabilità del delitto di calunnia è richiesta, nella consapevolezza dell’agente dell’ innocenza dell’incolpato, l’attribuzione di un reato integrato nei suoi elementi costitutivi, che sono innanzitutto, quelli obiettivi, consistendo la calunnia nell’incolpare taluno di un reato.

Non integra pertanto il delitto di calunnia la denuncia di un fatto realmente accaduto, ma non riconducibile ad alcuna norma incriminatrice, nonostante l’eventuale qualificazione

prospettata dal denunciante in relazione a specifiche fattispecie di reato (Sez. 6, n. 34825 del 01/07/2009, Rocchetta, Rv. 244767; Sez. 6, n. 37795 del 10/06/2010, Lelli, Rv. 248512; Sez. 6, n. 26542 del 16/06/2015, Carignano, Rv. 263918).

Manca in tali casi un’alterazione della realtà suscettibile di determinare l’indebita incolpazione dell’accusato (Sez. 6, n. 1638 del 07/11/2002, dep. 2003, Volonterio, Rv. 223246).

3. Nell’atto dì querela incriminato, il prevenuto ha esposto che l’amministratore del condominio presso il quale egli svolgeva l’attività di portiere e custode aveva inserito in uno deipunti posti all’ordine del giorno dell’assemblea convocata per i giorni 23 e 24 marzo

2011 la “Valutazione dei provvedimenti da intraprendere nei confronti del Sig. A. a seguito dell’occultamento/apertura della posta di proprietà del condominio” (Capo A della rubrica), riferendo, altresì, il querelante di essere venuto a conoscenza che in quella occasione venne deliberato il suo licenziamento ®in seguito alla reiterazione delle accuse nei miei confronti da parte dell’amministratore”.

Avendo il denunciante, per i riportati contenuti dell’ atto di accusa, esposto un fatto realmente verificatosi, come indicato dalla stessa Corte di appello nell’impugnata sentenza, per i richiamati principi egli non può essere ritenuto colpevole di calunnia.

Nè, d’altro canto, può integrare il contestato reato la qualificazione portata del fatto operata nell’atto di querela, spettando ogni valutazione sulla rilevanza penale dì quanto descritto all’autorità giudiziaria.

4. Il ricorso va pertanto accolto e la sentenza della Corte territoriale annullata senza rinvio per insussistenza del fatto.

 

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perchè il fatto non sussiste. Così deciso in Roma, il 29 gennaio2016.

Depositato in Cancelleria il 11 febbraio 2016

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

More from my site

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie