FURTO, REATO DI FURTO, FURTO Rito abbreviato Richiesta Risarcimento danni Difesa penale imputati Difesa penale indagati Difesa penale Bologna Diritto penale Bologna

 

Aspettative di vita - Calcolo sulla vita lavorativa e collaborativa - Necessità - Valutazione dell'aspettativa di vita biologica – Esclusione Sinistro stradale-incidente stradale - Investimento di pedone - Morte della vittima - Risarcimento del danno agli eredi quantificazione - Mancanza di un'attività lavorativa esterna valutabile - Sostentamento che la casalinga apportava ai familiari - Aspettative di vita - Calcolo sulla vita lavorativa e collaborativa - Necessità - Valutazione dell'aspettativa di vita biologica – Esclusione

Aspettative di vita – Calcolo sulla vita lavorativa e collaborativa – Necessità – Valutazione dell’aspettativa di vita biologica – Esclusione Sinistro stradale-incidente stradale – Investimento di pedone – Morte della vittima – Risarcimento del danno agli eredi quantificazione – Mancanza di un’attività lavorativa esterna valutabile – Sostentamento che la casalinga apportava ai familiari – Aspettative di vita – Calcolo sulla vita lavorativa e collaborativa – Necessità – Valutazione dell’aspettativa di vita biologica – Esclusione

 

REATO DI FURTO E FURTO AGGRAVATO

 

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

 

FD15 AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA DIFENDE IN TUTTA ITALIA

 

 

avvocato penalista Bologna, opposizione decreto penale condanna, appello penali, processo penale

avvocato penalista Bologna, opposizione decreto penale condanna, appello penali, processo penale

reato di furto al supermercato

reato di furto aggravato

reato di furto codice penale

 

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

reato di furto di energia elettrica

Prescrizione reato di furto

reato di furto pena

reato di furto venatorio

reato di furto art.624 cp

 

 

 

 

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

 

reato abituale , reato ambientale, reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamia, reato bancarotta fraudolenta prescrizione, reato banconote false, reato estorsione, reato estinto casellario giudiziale, reato furto, reato falso in bilancio, reato falso ideologico, reato favoreggiamento immigrazione clandestina

reato guida senza patente, reato guida in stato di ebbrezza, reato ingiuria, reato maltrattamenti in famiglia, reato minaccia, reato lesioni, reato molestie sessuali, reato informatico, reato omicidio stradale, reato penale, reato xenofobia, reato falso ideologico, reato tentata truffa, reato violenza privata prescrizione, reato penale reato querela, reato denuncia, codice penale ingiuria, codice penale lesioni gravi, codice penale omicidio, indagini penale interrogatorio avviso conclusione, archiviazione indagine penale, indagine penale durata, fasi indagine penale, indagini penale interrogatorio avviso conclusione, indagine per reato penale, indagini penali segretezza

 

avvocato penalista bologna

mancato soccorso dopo incidente stradale con danno alle persone esiste possibilità di arresto

 

Art. 624 Codice Penale. Furto.

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA - DECRETO PENALE DI CONDANNA ART 459 CPP LIBRO SESTO - PROCEDIMENTI SPECIALI TITOLO V - Procedimento per decreto

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA – DECRETO PENALE DI CONDANNA ART 459 CPP LIBRO SESTO – PROCEDIMENTI SPECIALI TITOLO V – Procedimento per decreto

624. Furto

Chiunque s’impossessa della cosa mobile [c.p. 631] altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 154 a euro 516 [c.p. 29] (3).

Agli effetti della legge penale, si considera cosa mobile anche l’energia elettrica e ogni altra energia che abbia un valore economico [c.c. 814; c.p. 625, 626, 646, 647, 649; c.n. 510, 593, 1146] (4).

Il delitto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra una o più delle circostanze di cui agli articoli 61, numero 7), e 625 (5) (6).

———————–

(6) Per l’aumento della pena per i delitti non colposi di cui al presente titolo commessi in danno di persona portatrice di minorazione fisica, psichica o sensoriale, vedi l’art. 36, comma 1, L. 5 febbraio 1992, n. 104, come sostituito dal comma 1 dell’art. 3, L. 15 luglio 2009, n. 94.

 

 

 

Art. 625 Codice Penale. Circostanze aggravanti.

Reato di spaccio

mancato soccorso dopo incidente stradale con danno alle persone esiste possibilità di arresto

625. Circostanze aggravanti (1).

La pena per il fatto previsto dall’articolo 624 è della reclusione da uno a sei anni e della multa da 103 euro a 1.032 euro (2) [649]:

1) (3);

2) se il colpevole usa violenza sulle cose [392 c. 2; 380 c. 2 lett. e) e 3 c.p.p.] o si vale di un qualsiasi mezzo fraudolento;

3) se il colpevole porta in dosso armi [585 c. 2 e 3] o narcotici, senza farne uso;

4) se il fatto è commesso con destrezza [628; 380 c. 2 lett. e) e 3 c.p.p.] (4);

5) se il fatto è commesso da tre o più persone [112 c. 1 n. 1], ovvero anche da una sola, che sia travisata o simuli la qualità di pubblico ufficiale [357] o d’incaricato di un pubblico servizio [358];

6) se il fatto è commesso sul bagaglio dei viaggiatori in ogni specie di veicoli, nelle stazioni, negli scali o banchine, negli alberghi o in altri esercizi ove si somministrano cibi o bevande [1148 c. nav.];

7) se il fatto è commesso su cose esistenti in uffici o stabilimenti pubblici, o sottoposte a sequestro [1798, 2905, 2793 c.c.; 670-673 c.p.c.; 189-190, 253-265, 316-320, 321-323, 354 c. 2 c.p.p.; 682 c. nav.] o a pignoramento [491 c.p.p.], o esposte per necessità o per consuetudine o per destinazione alla pubblica fede, o destinate a pubblico servizio o a pubblica utilità, difesa o reverenza [635 n. 3];

7-bis) se il fatto è commesso su componenti metalliche o altro materiale sottratto ad infrastrutture destinate all’erogazione di energia, di servizi di trasporto, di telecomunicazioni o di altri servizi pubblici e gestite da soggetti pubblici o da privati in regime di concessione pubblica (5).

8) se il fatto è commesso su tre o più capi di bestiame raccolti in gregge o in mandria, ovvero su animali bovini o equini, anche non raccolti in mandria [638 c. 2].

8-bis) se il fatto è commesso all’interno di mezzi di pubblico trasporto (6);

8-ter) se il fatto è commesso nei confronti di persona che si trovi nell’atto di fruire ovvero che abbia appena fruito dei servizi di istituti di credito, uffici postali o sportelli automatici adibiti al prelievo di denaro (6).

Se concorrono due o più delle circostanze prevedute dai numeri precedenti, ovvero se una di tali circostanze concorre con altra fra quelle indicate nell’articolo 61, la pena è della reclusione da tre a dieci anni e della multa da 206 euro a 1.549 euro.

foto studio legale

mancato soccorso dopo incidente stradale con danno alle persone esiste possibilità di arrestoGIURISPRUDENZA

 

GIURISPRUDENZA FURTO,  REATO DI FURTO, FURTO AGGRAVATO

 

  1. Invero, il previgente art. 625 c.p., comma 1, n. 1, (nella sua lettura antecedente alla novella di cui alla L. 26 marzo 2001, n. 128, art. 2), in tema di aggravanti del reato di furto, faceva riferimento alla introduzione o trattenimento “in un edificio o in un altro luogo destinato ad abitazione”.

 

  1. L’art. 624 bis c.p., introdotto con la precitata novella normativa, configura ora autonome figure di reato e fa riferimento (oltre alla ipotesi di furto con strappo) al furto commesso “mediante introduzione in un edificio o in un altro luogo destinato in tutto o in parte a privata dimora o nelle pertinenze di essa”. Appare, perciò, evidente l’ampliamento della portata della previsione, facendosi ora riferimento alla “privata dimora” piuttosto che all'”abitazione”.

 

  1. Secondo quanto ha più volte avuto occasione questa Suprema Corte di rilevare (già prima della novella in questione in tema di furto, a proposito del reato di cui all’art. 614 c.p.),

 

 

  1. la nozione di “privata dimora” è sicuramente più ampia di quello di “abitazione” e comprende qualsiasi luogo destinato permanentemente o transitoriamente all’esplicazione della vita privata o delle attività lavorative, culturali, professionali (cfr. ex plurimis, Cass., Sez, 4^, 16 aprile 2008, n. 20022; id. Sez. 5^, 18 settembre 2007, n. 43089; id., Sez. 4^, 26 febbraio 2003, n. 18810; id., Sez. 4^, 17 settembre 2003, n. 43671; id., Sez. 1^, 9 maggio 1979, n. 8458; id., Sez. 5^, 28 ottobre 1983, 10331; id., Sez. 5^, Sez. 5^, 14 maggio 1981, 5767). In tale novero rientrano, dunque, anche gli esercizi commerciali, dovendosi, perciò, ritenere la configurabilità del reato di cui all’art. 624 bis c.p., come nella specie originariamente contestato.

 

 

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE IV PENALE

FD14Sentenza 14 ottobre – 13 novembre 2009, n. 43452

Svolgimento del processo

1. Il 17 febbraio 2008 il Tribunale di Civitavecchia, a seguito di giudizio abbreviato, condannava C.D. ed I.A., riconosciute loro le attenuanti generiche equivalenti alla contestata recidiva a pene ritenute di giustizia, per imputazione di cui agli artt. 81 cpv., 110 e 624 bis c.p., art. 625 c.p., n. 2.

Si contestava agli imputati di essersi, in concorso tra loro, impossessati di alcuni oggetti (due magliette, un pantalone, due felpe), prelevandoli all’interno di un esercizio commerciale ****, previa asportazione dei dispositivi antitaccheggio.

Sul gravame degli imputati, la Corte di Appello di Roma, con sentenza del 4 luglio 2008, riconduceva il fatto nella previsione di cui all’artt. 624 c.p., art. 625 c.p., n. 2, conseguentemente riducendo la pena inflitta dal primo giudice, e confermava nel resto. Ritenevano i giudici del merito che non poteva trovare applicazione il disposto dell’art. 624 bis c.p., perchè questo “riguarda soltanto i furti commessi in abitazione e quelli con strappo, non quelli in locali diversi dall’abitazione”. 2. Avverso tale sentenza ha proposto ricorso il Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma, denunziando il vizio di violazione di legge, in relazione all’art. 624 bis c.p.. Deduce che illegittimamente era stata esclusa la riconducibilità del fatto alla previsione del citato art. 624 bis c.p.p., dovendo “ritenersi luogo destinato in tutto od in parte a privata dimora qualsiasi luogo nel quale le persone si trattengono per compiere, anche in modo transitorio e contingente, atti della loro vita privata, come studi professionali, stabilimenti industriali ed esercizio commerciali”.

 

Motivi della decisione

3. Il ricorso è fondato.

 

Consulenza PenaleInvero, il previgente art. 625 c.p., comma 1, n. 1, (nella sua lettura antecedente alla novella di cui alla L. 26 marzo 2001, n. 128, art. 2), in tema di aggravanti del reato di furto, faceva riferimento alla introduzione o trattenimento “in un edificio o in un altro luogo destinato ad abitazione”.

 

L’art. 624 bis c.p., introdotto con la precitata novella normativa, configura ora autonome figure di reato e fa riferimento (oltre alla ipotesi di furto con strappo) al furto commesso “mediante introduzione in un edificio o in un altro luogo destinato in tutto o in parte a privata dimora o nelle pertinenze di essa”. Appare, perciò, evidente l’ampliamento della portata della previsione, facendosi ora riferimento alla “privata dimora” piuttosto che all'”abitazione”.

 

Secondo quanto ha più volte avuto occasione questa Suprema Corte di rilevare (già prima della novella in questione in tema di furto, a proposito del reato di cui all’art. 614 c.p.), la nozione di “privata dimora” è sicuramente più ampia di quello di “abitazione” e comprende qualsiasi luogo destinato permanentemente o transitoriamente all’esplicazione della vita privata o delle attività lavorative, culturali, professionali (cfr. ex plurimis, Cass., Sez, 4^, 16 aprile 2008, n. 20022; id. Sez. 5^, 18 settembre 2007, n. 43089; id., Sez. 4^, 26 febbraio 2003, n. 18810; id., Sez. 4^, 17 settembre 2003, n. 43671; id., Sez. 1^, 9 maggio 1979, n. 8458; id., Sez. 5^, 28 ottobre 1983, 10331; id., Sez. 5^, Sez. 5^, 14 maggio 1981, 5767). In tale novero rientrano, dunque, anche gli esercizi commerciali, dovendosi, perciò, ritenere la configurabilità del reato di cui all’art. 624 bis c.p., come nella specie originariamente contestato.

 

Studio Legale Bologna4. Qualificato il fatto di reato come violazione dell’art. 624 bis c.p., e art. 625 c.p., n. 2, la sentenza impugnata va, dunque, annullata, con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Roma.

 

P.Q.M.

La Corte annulla la sentenza impugnata, qualificato il fatto contestato come violazione dell’art. 624 bis c.p., e art. 625 c.p., n. 2, con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Roma.

 

Così deciso in Roma, il 14 ottobre 2009.

 

Depositato in Cancelleria il 13 novembre 2009.

 

  • Avvocati penalisti Bologna
  • Studio legale penale a Bologna
  • Decreto penale di condanna
  • Opposizione decreto penale di condanna
  • Rito abbreviato
  • Richiesta Risarcimento danni
  • Difesa penale imputati
  • Difesa penale indagati
  • Difesa penale Bologna
  • Diritto penale Bologna
  • Patteggiamento
  • Appello penale
  • Ricorso per cassazione penale
  • Ricorsi tribunale del riesame
  • Processo minorile
  • Reato di stalking
  • Avvocato a Bologna

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Related Post

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie