Maltrattamenti alla moglie – misure cautelari – avvocato penalista Bologna

Maltrattamenti alla moglie – misure cautelari – avvocato penalista Bologna

AFOTOGRAFICA

Il reato de quo richiede, infatti, per la sua configurazione, una serie abituale di condotte che possono estrinsecarsi in atti lesivi dell’integrità psico – fisica, dell’onore, del decoro o di mero disprezzo e prevaricazione del soggetto passivo, attuati anche in un arco temporale ampio, ma entro il quale possono agevolmente essere individuati come espressione di un costante atteggiamento dell’agente di maltrattare o denigrare il soggetto passivo.
Secondo la giurisprudenza elaborata da questa Sezione, invece, fatti occasionali ed episodici, pur penalmente rilevanti in relazione ad altre figure di reato (ingiurie, minacce, lesioni) determinati da situazioni contingenti (ad es. rapporti interpersonali connotati da permanente conflittualità) e come tali insuscettibili di essere inquadrati un una cornice unitaria, non possono assurgere alla definizione normativa di cui all’art. 572 cod. pen. (Cass. pen. sez. 6 n. 37019 del 27/05/2003, Caruso, Rv. 226794; sez. 6 n. 45037 del 2/12/2010, Dibra Rv. 249036).
avvocato penalista BolognaVicenda processuale e provvedimento impugnato – Il ricorrente è accusato di avere sottoposto a maltrattamenti la propria moglie e di avere abusato sessualmente di lei. Per tale ragione, egli è stato sottoposto alla misura dell’allontanamento dalla casa familiare la cui richiesta di revoca o sostituzione, in sede di riesame, è stata respinta dal Tribunale con l’ordinanza oggetto del presente gravame.

 

 avvocato penalista Bologna

Corte di Cassazione, sezione III Penalesentenza 28 ottobre 2014 – 14 gennaio 2015, n. 1339Presidente Fiale – Relatore Mulliri

Ritenuto in fatto

1. Vicenda processuale e provvedimento impugnato – Il ricorrente è accusato di avere sottoposto a maltrattamenti la propria moglie e di avere abusato sessualmente di lei. Per tale ragione, egli è stato sottoposto alla misura dell’allontanamento dalla casa familiare la cui richiesta di revoca o sostituzione, in sede di riesame, è stata respinta dal Tribunale con l’ordinanza oggetto del presente gravame.

2. Motivi del ricorso – A sostegno dell’impugnazione, proposta tramite difensore, si deduce:

1) violazione ed erronea applicazione dell’art. 273 c.p.p.. Vi sarebbe, infatti, carenza del bagaglio indiziario visto che esso si fonda solo sulle parole della p.o., sfornite di qualsivoglia riscontro. La stessa relazione dei servizi sociali non fa che riportare quanto sostenuto dalla donna e la valutazione del caso non può prescindere dalla considerazione che tra i coniugi vi era una conflittualità accesa sì da dover soppesare con cautela le parole della persona offesa. Si ricorda, altresì, che la stessa signora S. ha dichiarato di non ritenere congrua la misura imposta al coniuge perché impediva i rapporti con i figli e, grazie a ciò, il G.i.p. aveva parzialmente revocato l’ordinanza;

2) erronea applicazione degli art. 274 e 275 c.p.p.. Secondo il ricorrente il provvedimento del Tribunale per il Riesame sembra rivolto a fronteggiare più un sentimento comune di allarme che ad una concreta esigenza cautelare; egli evidenzia, inoltre, una certa genericità della misura che, esseno sfornita di prescrizioni specifiche, non sottrae il sottoposto al rischio di incontri occasionali con la vittima.

Il ricorrente conclude invocando l’annullamento della ordinanza impugnata.

Considerato in diritto

3. Motivi della decisione – Il ricorso è inammissibile.

3.1. II commento del bagaglio indiziario si risolve in un tentativo di prospettare i fatti sotto un’ottica riduttiva ed anche piuttosto generica. Per contro, l’ordinanza, sul punto, risulta chiara, dettagliata e puntuale.

Essa ripercorre i fatti alla luce delle parole della signora S. ma anche di quelle delle sorelle. Ricorda come la credibilità intrinseca della querela sporta dalla vittima sia desumibile dalla precisione delle indicazioni da lei fornite e dalla logica e coerenza delle circostanze riportate. I fatti sono nati progressivamente poco dopo la nascita del secondo figlio quando la moglie scoprì (per commenti su facebook) che il proprio marito usava intrattenersi con varie donne. A seguito della contestazione della cosa, il clima familiare era cambiato, l’uomo aveva assunto viepiù atteggiamenti violenti, aveva lasciato la moglie priva di disponibilità economiche e non si era fatto scrupolo di offenderla e minacciarla (anche di morte) pure in presenza di figli minori. Infine, negli ultimi tempi, egli aveva preteso rapporti sessuali “particolari” cui la moglie non voleva consentire.

avvocato penale bologna

La descrizione dei giudici di merito è ampia ed è, quindi, coerente la conclusione di avallare la decisione del G.i.p. sul rilievo che emergeva un quadro di condotte offensive, di infedeltà e di sopraffazione tale da giustificare le accuse mosse.

Per contro, come anticipato, le blande proteste del ricorrente si limitano ad insinuare il dubbio che le accuse siano frutto del clima di conflittualità esistente tra i coniugi e che non siano “provate” perché fondate solo sulle parole della vittima.

Tale ultima osservazione, come noto, è priva di pregio perché è orientamento costante di questa S.C. che, specie per i reati che maturano in un contesto così “privato”, è ben possibile basare le accuse sulle parole della sola persona offesa (spesso unica testimone), sempre che, ovviamente, le dichiarazioni accusatorie siano state vagliate con cura. Orbene, come visto, ciò è sicuramente avvenuto nella specie e neppure il ricorrente ha offerto argomenti specifici a conforto delle proprie insinuazioni e dubbi.

Peraltro, non è neppure compito di questa S.C. valutare se sia possibile “leggere” i fatti in modo “alternativo” perché l’unico controllo possibile in questa sede di legittimità è rappresentato dalla valutazione della logica che sottostà al provvedimento impugnato nel commentare gli indizi e/o le prove.

Come già osservato, la cosa, nella specie è avvenuta in modo ineccepibile sì che il ricorso in esame, oltre ad essere generico, è anche manifestamente infondato.

3.2. Anche sul piano cautelare, le considerazioni difensive sono del tutto vaghe ed ipotetiche. In realtà, le conclusioni che i giudici traggono sono coerenti con il discorso fatto in precedenza ed il pericolo di reiterazione criminosa viene desunto «avuto riguardo alla specifica natura e modalità dei fatti, ripetutisi in modo abituale ed originati dal contesto familiare» oltre al rilievo che l’indagato ha mostrato di avere una personalità «incapace di gestire le proprie emozioni ed impulsi negativi».

Nessun dubbio circa la piena idoneità della misura che è stata specificata anche nelle sue modalità operative (vista l’esigenza di assicurare all’indagato la possibilità di frequentare i figli).

Alla presente declaratoria segue, per legge, la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 €.

P.Q.M.

Visti gli artt. 615 e ss. c.p.p.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali ed al versamento alla Cassa delle Ammende della somma di 1000 €.

Così deciso il 28 ottobre 2014.

archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale avvocato Bolognaavvocato penalistaavvocato penalista Bologna Bologna codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale omicidio difesa penalediritto penale fasi indagine penaleindagine penale durata indagine per reato penale indagini penale interrogatorio avviso conclusione indagini penali segretezza penalista esperto difensa penale reati graviavvocati penalisti Bolognaavvocati penalisti bolognaavvocato penalista esperto difesna penale vicenzaavvocato penalista studio legale diritto penale Bologna reato reato abituale reato ambientale reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamia reato bancarotta fraudolenta prescrizionereato banconote false reato denunciareato estinto casellario giudiziale reato estorsione reato falso ideologico reato falso in bilancio reato favoreggiamento immigrazione clandestina reato guida senza patente reato furto reato guida in stato di ebbrezza reato informatico reato ingiuria reato lesioni reato maltrattamenti in famiglia reato minaccia reato molestie sessuali reato omicidio stradale reato penale reato penale reato querelareato tentata truffa reato violenza privata prescrizione reato xenofobia rinvio a giudizioAvvocati penalisti di Bolognapenalistiavvocato penalista in Bolognaavvocato penalista Bologna studio legale penale Bologna

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

More from my site

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie