S.R.L. MANCATA TENUTA CONTABILITA’ AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ; la mancata tenuta delle scritture contabili o la loro tenuta irregolare, ove non sia provato il dolo richiesto dall’articolo 216 della legge fallimentare, non può che configurare la più lieve fattispecie di cui all’articolo 217. In particolare, l’affidamento a soggetti estranei all’amministrazione dell’azienda della tenuta delle scritture e dei libri contabili – ove appunto non sia dimostrato il dolo “qualificato” di cui all’art. 216, che non può essere presunto – non può che rilevare a titolo di colpa, sotto il profilo o della scelta inadeguata del professionista incaricato, o del mancato controllo (cfr. sez. 5, n. 32586 del 10/07/2007, Centola).

 

S.R.L. MANCATA TENUTA CONTABILITA AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

 

ABA1SCRITTA 

 

; la mancata tenuta delle scritture contabili o la loro tenuta irregolare, ove non sia provato il dolo richiesto dall’articolo 216 della legge fallimentare, non può che configurare la più lieve fattispecie di cui all’articolo 217. In particolare, l’affidamento a soggetti estranei all’amministrazione dell’azienda della tenuta delle scritture e dei libri contabili – ove appunto non sia dimostrato il dolo “qualificato” di cui all’art. 216, che non può essere presunto – non può che rilevare a titolo di colpa, sotto il profilo o della scelta inadeguata del professionista incaricato, o del mancato controllo (cfr. sez. 5, n. 32586 del 10/07/2007, Centola).
 ABA2SCRITTA

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE V PENALE

Sentenza 2 febbraio – 15 maggio 2012, n. 18697

(Presidente Bruno – Relatore Demarchi Albengo)

Ritenuto in fatto

  1. B.B.M. è stata condannata per il reato di bancarotta fraudolenta documentale con sentenza del 2 aprile 2003 emessa dal GUP del tribunale di Milano, per avere occultato o distrutto le scritture contabili della società, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori ed in modo da impedire al curatore la ricostruzione del patrimonio ed il movimento degli affari della società fallita.2. La ricorrente proponeva appello, che veniva respinto dalla corte di secondo grado di Milano, sulla considerazione che per la sussistenza del reato di cui all’articolo 216 della legge fallimentare era sufficiente il dolo generico, ossia la consapevolezza che la confusa tenuta della contabilità avrebbe reso impossibile la ricostruzione delle vicende del patrimonio.3. Con l’odierno ricorso la B. propone tre motivi di censura: violazione dell’articolo 216 della legge fallimentare per la ritenuta sussistenza del reato di bancarotta documentale fraudolenta, per il quale non è sufficiente un atteggiamento di superficialità, che caratterizza invece la bancarotta documentale semplice. Nel caso di specie la ricorrente aveva affidato in buona fede ad un professionista la tenuta delle scritture contabili e non aveva modo di ritenere che questi non adempisse regolarmente all’incarico. La B., pertanto, avrebbe potuto al più rispondere del reato di cui all’articolo 217, per omesso controllo sul professionista incaricato. Con un secondo motivo di ricorso si censura il difetto di motivazione in ordine alla sussistenza dell’elemento soggettivo del reato di cui all’articolo 216 della legge fallimentare, non essendovi prova che la B. avesse voluto od accettato il rischio della irregolare tenuta dei libri contabili e comunque non essendovi alcuna prova in ordine al’dolo specifico e cioè al fine di pregiudicare i creditori o di impedire la ricostruzione del patrimonio. Con un ultimo motivo di censura, si deduce la illegittimità costituzionale della norma transitoria contenuta nell’articolo 10 della legge 251-2005.

Considerato in diritto

  1. Partendo dal fondo, si osserva che il terzo motivo di ricorso non può essere accolto; la eccepita questione di legittimità costituzionale è stata recentemente risolta dalla Consulta, che l’ha dichiarata infondata con sentenza del 22 luglio 2011 n. 236: “È infondata la questione di legittimità costituzionale, sollevata in riferimento all’art. 117, comma 17 Cost. e in relazione all’art. 7 CEDU, dell’art. 10, comma 3, della l. 5 dicembre 2005, n. 251 (Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per i recidivi, di usura e di prescrizione), nella parte in cui esclude l’applicazione dei nuovi termini di prescrizione, se più brevi, ai processi già pendenti in grado di appello o avanti alla Corte di cassazione”.2. I primi due motivi, invece, sono fondati; la mancata tenuta delle scritture contabili o la loro tenuta irregolare, ove non sia provato il dolo richiesto dall’articolo 216 della legge fallimentare, non può che configurare la più lieve fattispecie di cui all’articolo 217. In particolare, l’affidamento a soggetti estranei all’amministrazione dell’azienda della tenuta delle scritture e dei libri contabili – ove appunto non sia dimostrato il dolo “qualificato” di cui all’art. 216, che non può essere presunto – non può che rilevare a titolo di colpa, sotto il profilo o della scelta inadeguata del professionista incaricato, o del mancato controllo (cfr. sez. 5, n. 32586 del 10/07/2007, Centola).3. La sentenza impugnata contiene una motivazione insufficiente proprio con riferimento all’elemento soggettivo; non è chiaro, infatti, il motivo per il quale i giudici di appello hanno ritenuto sussistente il reato di cui all’art. 216 della legge fallimentare, piuttosto che la fattispecie più lieve di cui all’articolo successivo.4. La sentenza, pertanto, deve essere annullata con rinvio ad altra sezione della Corte d’appello di Milano, per integrazione della motivazione in punto elemento soggettivo; la Corte è investita della nuova decisione con pienezza di poteri, potendo dunque anche procedere alla riqualificazione del fatto ai sensi dell’articolo 217 della legge fallimentare, avendo però cura di fornire adeguata e specifica motivazione dei propri assunti.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata con rinvio ad altra sezione della Corte d’appello di Milano per nuovo giudizio.

 

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie