SEQUESTRO DI PERSONA REATO CODICE PENALE ART 605

SEQUESTRO DI PERSONA REATO CODICE PENALE ART 605 In altri termini, la coartazione della volontà delle vittime, per modalità e durata, non raggiungeva livelli di offensività tali da travalicare i confini della violenza e della minaccia sorretti dall’intento di ottenere la soddisfazione di una pretesa) legittima, essendo collegata alle condizioni nelle quali i minori risultavano alloggiati nella struttura. I fatti in contestazione, dunque, sulla base del compendio indiziario acquisito, risultano riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 393 c.p. , in concorso formale con il reato di cui all’art. 605 c.p. , atteso che la violenza esercitata dal K. si è tradotta, in concreto, nella temporanea privazione della libertà di movimento delle vittime, allo scopo di inscenare la manifestazione di protesta di cui si è dettoiapappapa

SEQUESTRO DO PERSONA REATO CODIC EPENALE ART 605

In altri termini, la coartazione della volontà delle vittime, per modalità e durata, non raggiungeva livelli di offensività tali da travalicare i confini della violenza e della minaccia sorretti dall’intento di ottenere la soddisfazione di una pretesa) legittima, essendo collegata alle condizioni nelle quali i minori risultavano alloggiati nella struttura. I fatti in contestazione, dunque, sulla base del compendio indiziario acquisito, risultano riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 393 c.p. , in concorso formale con il reato di cui all’art. 605 c.p. , atteso che la violenza esercitata dal K. si è tradotta, in concreto, nella temporanea privazione della libertà di movimento delle vittime, allo scopo di inscenare la manifestazione di protesta di cui si è detto.

 

 

5

Deve, in proposito, rilevarsi che costituisce ius receptum della giurisprudenza di questa Corte il principio secondo cui, nel sistema processuale penale, la nozione di interesse a impugnare non può essere basata sul mero concetto di soccombenza delle parti e neppure può essere identificata nel mero interesse al rispetto di una norma di legge da parte dell’ordinamento giuridico (cfr. Sez. U, n. 6624 del 27/10/2011, Marinaj, Rv. 251693).

L’interesse a impugnare, piuttosto, deve essere individuato in una prospettiva giurisdizionale di natura eminentemente utilitaristica, consistente nelle finalità concretamente perseguita dal soggetto impugnante, tendente a rimuovere una situazione derivante da una decisione giudiziale, cui si collega il conseguimento di un’utilità, costituita da un provvedimento più vantaggioso rispetto a quello impugnato. Ne consegue che non sussiste l’interesse richiesto dall’art. 568 c.p.p. , comma 4, nel ricorso del pubblico ministero volto a ottenere solamente l’esatta applicazione della legge, senza l’indicazione di come da tale rettificazione possa derivare per il soggetto impugnante un risultato praticamente e concretamente favorevole (cfr. Sez. 5, n. 43983 del 15/07/2009, D’Ingeo, Rv. 245100).

In questo contesto processuale, per ritenere l’impugnazione del pubblico ministero supportata da un interesse a impugnare, è necessario che tale soggetto processuale risulti titolare di un interesse concreto ed effettivo all’eliminazione del provvedimento pregiudizievole, indispensabile allo scopo di conseguire una decisione più favorevole, che non si verifica quando nell’eventuale giudizio di rinvio sarebbe comunque raggiunto un risultato non diverso da quello statuito con l’ordinanza impugnata.

In questa cornice, deve osservarsi che il ricorso proposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta non indica esplicitamente le finalità processuali perseguite con l’impugnazione, limitandosi a censurare la qualificazione giuridica dei fatti contestati al K., ai sensi degli artt. 110, 393 e 605 c.p. , pur potendo tali finalità desumersi implicitamente dal contenuto dell’impugnazione, sotto il profilo del differente regime dei termini di custodia cautelare applicabili a seconda della qualificazione del reato contestato al ricorrente. Tale possibilità di desumere implicitamente le finalità utilitaristiche perseguite dall’impugnazione proposta impedisce di ritenere inammissibile il ricorso in esame e impone di esaminare nel merito le censure sollevate dalla parte ricorrente.

  1. Fatta questa indispensabile premessa, deve rilevarsi che l’ordinanza impugnata incentrava correttamente la sua decisione sulle connotazioni di violenza e minaccia insite nell’azione criminosa posta in essere dal K. e dai suoi complici in danno del personale del Centro di accoglienza IPAB (OMISSIS), individuando nelle finalità dell’azione coercitiva esercitata l’elemento indispensabile ai fini dell’inquadramento della condotta delittuosa contestata e disponendo conseguentemente la riqualificazione della fattispecie di cui al capo A), ai sensi agli artt. 110, 605 e 393 c.p..

Per giungere a queste conclusioni, il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, seguiva un percorso argomentativo ineccepibile, evidenziando che il K. si limitava a privare le vittime della loro libertà personale, nel limitato arco temporale compreso tra le ore 9.45 e le ore 10.10 del (OMISSIS), chiudendo la porta d’ingresso del centro di accoglienza ennese con una sbarra di ferro e ponendo in essere un’attività di coercizione nell’ambito della quale la richiesta finalizzata a ottenere la consegna immediata dei pocket money – corrisposti discrezionalmente agli ospiti della struttura assistenziale con cadenza periodica – risultava inserita in una più ampia manifestazione di protesta contro le condizioni nelle quali i migranti venivano ospitati nella struttura in questione. Il limitato arco temporale nel quale l’azione coercitiva veniva esercitata, del resto, risulta dimostrata dalla circostanza che i Carabinieri, allertati telefonicamente alle ore 9.58 dalle stesse vittime della manifestazione di protesta in esame, alle ore 10.10, irrompevano nei locali del centro di accoglienza e arrestavano il K. e gli altri minori che avevano inscenato la manifestazione di protesta.

In altri termini, la coartazione della volontà delle vittime, per modalità e durata, non raggiungeva livelli di offensività tali da travalicare i confini della violenza e della minaccia sorretti dall’intento di ottenere la soddisfazione di una pretesa) legittima, essendo collegata alle condizioni nelle quali i minori risultavano alloggiati nella struttura. I fatti in contestazione, dunque, sulla base del compendio indiziario acquisito, risultano riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 393 c.p. , in concorso formale con il reato di cui all’art. 605 c.p. , atteso che la violenza esercitata dal K. si è tradotta, in concreto, nella temporanea privazione della libertà di movimento delle vittime, allo scopo di inscenare la manifestazione di protesta di cui si è detto.

Ne discende che il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, valutava in termini ineccepibili la condotta illecita del K., facendo riferimento alle finalità di coartare la volontà delle vittime per gli scopi di protesta richiamati e valutando correttamente gli elementi indiziari acquisiti, che imponevano di ritenere corretta l’originaria qualificazione dei fatti delittuosi ascritti all’indagato al capo A), tenuto conto delle finalità perseguite mediante l’esercizio di tali forme di intimidazione.

Su questo fondamentale passaggio della vicenda criminosa l’ordinanza impugnata, nel passaggio motivazionale esplicitato a pagina 2, forniva una spiegazione congrua, osservando che l’azione coercitiva posta in essere dal K. e dai suoi complici in danno del personale del centro di accoglienza dove erano allocati trovava la propria giustificazione nell’azione di protesta rivolta a ottenere “la soddisfazione di una pretesa legittima, la quale, peraltro, sembrerebbe individuarsi non soltanto in quella, a contenuto patrimoniale, della consegna dei pocket money, ma, verosimilmente, nella rivendicazione di un miglior trattamento generale all’interno della struttura (…)”.

Ricostruiti in questi termini gli accadimenti criminosi, il provvedimento impugnato appare armonico rispetto alla posizione ermeneutica affermata dalla giurisprudenza di legittimità – pur dovendosi dare atto di alcune divergenze interpretative non condivise da questa Corte – in relazione alla distinzione tra il reato di cui all’art. 630 c.p. , e quello di cui agli artt. 393 e 605 c.p. , secondo cui: “Integra il reato di sequestro di persona a scopo di estorsione di cui all’art. 630 c.p. , e non il concorso del delitto di sequestro di persona con quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone (artt. 605 e 393 dello stesso codice), la privazione della libertà di una persona finalizzata a conseguire, come prezzo della liberazione, una prestazione patrimoniale eccedente il credito, azionabile in sede giudiziaria, vantato nei confronti della persona offesa” (cfr. Sez. 6, n. 45064 del 12/06/2014, Sevdari, Rv. 260662).

 

 

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE I PENALE

Sentenza 27 ottobre – 11 novembre 2016, n. 47949

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI TOMASSI Mariastefania – Presidente –

Dott. TARDIO Angela – Consigliere –

Dott. SANDRINI Enrico G. – Consigliere –

Dott. CENTONZE Alessandro – rel. Consigliere –

Dott. CAIRO Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta;

contro:

1) K.A., nato il (OMISSIS);

http://www.avvocato-penalista-bologna.it/news/consulenza-legale/avvocato-malasanita-bologna-avvocato-responsabilita-medica-bologna/

http://www.avvocato-penalista-bologna.it/news/consulenza-legale/avvocato-malasanita-bologna-avvocato-responsabilita-medica-bologna/

Avverso l’ordinanza n. 13/2016 del 21/06/2016 emessa dal Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame;

Sentita la relazione svolta dal Consigliere dott. Alessandro Centonze;

Sentite le conclusioni del Procuratore generale, in persona del dott. Stefano Tocci, che ha concluso per l’annullamento con rinvio dell’ordinanza impugnata.

Svolgimento del processo

  1. Con ordinanza emessa il 21/06/2016 il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, pronunciandosi a norma dell’art. 309 c.p.p. , in parziale riforma dell’ordinanza di custodia in carcere applicata ad K.A. dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, previa riqualificazione dell’ipotesi di reato di cui al capo A) della rubrica, così come contestata ai sensi dell’art. 630 c.p. , nella fattispecie di cui agli artt. 110, 605 e 393 c.p. , sostituiva la misura cautelare originariamente applicata con quella del collocamento in comunità.

Secondo il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, tra le ore 9.45 e le ore 10.10 del (OMISSIS), il K., in concorso con altri due soggetti per i quali si procede separatamente, dando seguito a un’iniziativa intrapresa da L.B., privava della libertà di movimento gli operatori della struttura di accoglienza nella quale si trovavano ospitati da qualche giorno – il Centro di accoglienza IPAB (OMISSIS) – bloccando la porta d’ingresso con una sbarra di ferro e danneggiando alcuni arredi dell’immobile.

Questa azione criminosa veniva interrotta dal tempestivo sopraggiungere dei Carabinieri, allertati telefonicamente dalle vittime, che sbloccavano la porta di accesso della struttura di accoglienza, liberando tutti i soggetti che si trovavano al suo interno e arrestando gli autori dell’azione delittuosa in contestazione. Nell’immediatezza dei fatti, inoltre, i Carabinieri intervenuti provvedevano a raccogliere le dichiarazioni delle vittime dell’attività di coartazione posta in essere dai tre minori, che chiarivano le ragioni e la dinamica dei fatti in contestazione.

In questo contesto processuale, il Giudice del riesame riteneva incontroversa la dinamica degli accadimenti criminosi e riteneva di procedere alla riqualificazione dei fatti delittuosi, ai sensi degli artt. 110, 605 e 393 cod. pen. , sul presupposto che la coartazione posta in essere dalle vittime – identificate in M.E., Ma.Ma., Me.La.Ma.Ve., S.C., L.M., Se.Fr. e Mo.An. – non aveva raggiunto, per intensità e durata, livelli tali da indurre ad affermare che erano stati travalicati i limiti della violenza e della minaccia, allo scopo di ottenere la soddisfazione di pretese illegittime. Queste pretese, fin dalla prima fase delle indagini preliminari, venivano individuate nella consegna dei pocket money – che costituiscono un bonus economico giornaliero che viene consegnato ai migranti ospitati nei centri di accoglienza – e nella rivendicazione di un trattamento complessivo migliore rispetto a quello ricevuto all’interno della struttura dove i minori erano ospitati.

Sulla scorta di questo compendio indiziario il provvedimento cautelare genetico, previa riqualificazione dei fatti illeciti contestati al K., a norma degli artt. 110, 605 e 393 c.p. , veniva riformato nei termini processuali che si sono richiamati.

  1. Avverso tale ordinanza la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta ricorreva per cassazione, deducendo violazione di legge e vizio di motivazione in riferimento alla configurazione dell’ipotesi di reato contestata al K., così come riqualificata ai sensi degli artt. 110, 605 e 393 c.p..

Si evidenziava, in proposito, che il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, aveva valutato in termini incongrui la condotta del K. sotto il profilo della sua idoneità a coartare l’altrui volontà, attraverso la pressione intimidatoria esercitata nei confronti delle vittime, trascurando gli univoci elementi indiziari che imponevano di ritenere corretta l’originaria qualificazione dei fatti delittuosi ascritti all’indagato al capo A), tenuto conto dell’ingiustizia delle pretese economiche perseguite mediante l’esercizio di tali forme di intimidazione.

Tra questi elementi indiziari, in particolare, si richiamavano l’elevato numero delle persone sequestrate e l’arco di tempo nel quale si protraeva l’azione criminosa, peraltro valutato dallo stesso Giudice del riesame in termini di apprezzabilità; la circostanza che il K., allo scopo di dare maggiore risonanza alla sua azione coercitiva aveva danneggiato alcuni arredi della struttura di accoglienza nella quale si trovava unitamente agli altri minori; l’ulteriore circostanza che gli accadimenti criminosi, così come concordemente riferito dalle persone offese dal reato, si inserivano in un più ampio scenario criminale, conseguente al fatto che la protesta era stata organizzata da quattordici ospiti del centro di accoglienza.

L’incongruità del percorso motivazionale, al contempo, veniva resa evidente dal fatto che il Giudice del riesame, pur escludendo la ricorrenza degli elementi costitutivi della fattispecie di cui all’art. 630 c.p. , sul presupposto della modesta forza intimidatoria dell’azione posta in essere dal K. e dai suoi complici, non riqualificava i fatti ai sensi dell’art. 393 c.p. , ma ai sensi degli artt. 110, 605 e 393 c.p. , dimostrando in tal modo che l’attività di coartazione – quale che fosse l’intensità dell’azione posta dall’indagato e dai suoi complici – aveva comunque determinato la privazione della libertà delle vittime per un arco temporale significativo.

In questa cornice, la parte ricorrente riteneva palesemente contraddittorio il passaggio motivazionale del provvedimento impugnato nel quale, a fronte della modesta o insufficiente capacità intimidatoria dell’azione criminosa posta in essere dal K. e dai suoi complici, tale da ricondurla al solco applicativo dell’art. 630 c.p. , si riteneva la condotta delittuosa contestata comunque idonea a determinare la privazione della libertà delle persone offese dal reato, com’è reso evidente dalla riqualificazione del reato ai sensi degli artt. 110, 605 e 393 c.p..

Queste ragioni processuali imponevano l’annullamento dell’ordinanza impugnata.

Motivi della decisione

  1. Il ricorso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta è infondato e deve essere rigettato, pur ponendosi ai limiti dell’inammissibilità.

Deve, in proposito, rilevarsi che costituisce ius receptum della giurisprudenza di questa Corte il principio secondo cui, nel sistema processuale penale, la nozione di interesse a impugnare non può essere basata sul mero concetto di soccombenza delle parti e neppure può essere identificata nel mero interesse al rispetto di una norma di legge da parte dell’ordinamento giuridico (cfr. Sez. U, n. 6624 del 27/10/2011, Marinaj, Rv. 251693).

L’interesse a impugnare, piuttosto, deve essere individuato in una prospettiva giurisdizionale di natura eminentemente utilitaristica, consistente nelle finalità concretamente perseguita dal soggetto impugnante, tendente a rimuovere una situazione derivante da una decisione giudiziale, cui si collega il conseguimento di un’utilità, costituita da un provvedimento più vantaggioso rispetto a quello impugnato. Ne consegue che non sussiste l’interesse richiesto dall’art. 568 c.p.p. , comma 4, nel ricorso del pubblico ministero volto a ottenere solamente l’esatta applicazione della legge, senza l’indicazione di come da tale rettificazione possa derivare per il soggetto impugnante un risultato praticamente e concretamente favorevole (cfr. Sez. 5, n. 43983 del 15/07/2009, D’Ingeo, Rv. 245100).

In questo contesto processuale, per ritenere l’impugnazione del pubblico ministero supportata da un interesse a impugnare, è necessario che tale soggetto processuale risulti titolare di un interesse concreto ed effettivo all’eliminazione del provvedimento pregiudizievole, indispensabile allo scopo di conseguire una decisione più favorevole, che non si verifica quando nell’eventuale giudizio di rinvio sarebbe comunque raggiunto un risultato non diverso da quello statuito con l’ordinanza impugnata.

In questa cornice, deve osservarsi che il ricorso proposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta non indica esplicitamente le finalità processuali perseguite con l’impugnazione, limitandosi a censurare la qualificazione giuridica dei fatti contestati al K., ai sensi degli artt. 110, 393 e 605 c.p. , pur potendo tali finalità desumersi implicitamente dal contenuto dell’impugnazione, sotto il profilo del differente regime dei termini di custodia cautelare applicabili a seconda della qualificazione del reato contestato al ricorrente. Tale possibilità di desumere implicitamente le finalità utilitaristiche perseguite dall’impugnazione proposta impedisce di ritenere inammissibile il ricorso in esame e impone di esaminare nel merito le censure sollevate dalla parte ricorrente.

  1. Fatta questa indispensabile premessa, deve rilevarsi che l’ordinanza impugnata incentrava correttamente la sua decisione sulle connotazioni di violenza e minaccia insite nell’azione criminosa posta in essere dal K. e dai suoi complici in danno del personale del Centro di accoglienza IPAB (OMISSIS), individuando nelle finalità dell’azione coercitiva esercitata l’elemento indispensabile ai fini dell’inquadramento della condotta delittuosa contestata e disponendo conseguentemente la riqualificazione della fattispecie di cui al capo A), ai sensi agli artt. 110, 605 e 393 c.p..

Per giungere a queste conclusioni, il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, seguiva un percorso argomentativo ineccepibile, evidenziando che il K. si limitava a privare le vittime della loro libertà personale, nel limitato arco temporale compreso tra le ore 9.45 e le ore 10.10 del (OMISSIS), chiudendo la porta d’ingresso del centro di accoglienza ennese con una sbarra di ferro e ponendo in essere un’attività di coercizione nell’ambito della quale la richiesta finalizzata a ottenere la consegna immediata dei pocket money – corrisposti discrezionalmente agli ospiti della struttura assistenziale con cadenza periodica – risultava inserita in una più ampia manifestazione di protesta contro le condizioni nelle quali i migranti venivano ospitati nella struttura in questione. Il limitato arco temporale nel quale l’azione coercitiva veniva esercitata, del resto, risulta dimostrata dalla circostanza che i Carabinieri, allertati telefonicamente alle ore 9.58 dalle stesse vittime della manifestazione di protesta in esame, alle ore 10.10, irrompevano nei locali del centro di accoglienza e arrestavano il K. e gli altri minori che avevano inscenato la manifestazione di protesta.

In altri termini, la coartazione della volontà delle vittime, per modalità e durata, non raggiungeva livelli di offensività tali da travalicare i confini della violenza e della minaccia sorretti dall’intento di ottenere la soddisfazione di una pretesa) legittima, essendo collegata alle condizioni nelle quali i minori risultavano alloggiati nella struttura. I fatti in contestazione, dunque, sulla base del compendio indiziario acquisito, risultano riconducibili alla fattispecie di cui all’art. 393 c.p. , in concorso formale con il reato di cui all’art. 605 c.p. , atteso che la violenza esercitata dal K. si è tradotta, in concreto, nella temporanea privazione della libertà di movimento delle vittime, allo scopo di inscenare la manifestazione di protesta di cui si è detto.

Ne discende che il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta, Sezione del riesame, valutava in termini ineccepibili la condotta illecita del K., facendo riferimento alle finalità di coartare la volontà delle vittime per gli scopi di protesta richiamati e valutando correttamente gli elementi indiziari acquisiti, che imponevano di ritenere corretta l’originaria qualificazione dei fatti delittuosi ascritti all’indagato al capo A), tenuto conto delle finalità perseguite mediante l’esercizio di tali forme di intimidazione.

Su questo fondamentale passaggio della vicenda criminosa l’ordinanza impugnata, nel passaggio motivazionale esplicitato a pagina 2, forniva una spiegazione congrua, osservando che l’azione coercitiva posta in essere dal K. e dai suoi complici in danno del personale del centro di accoglienza dove erano allocati trovava la propria giustificazione nell’azione di protesta rivolta a ottenere “la soddisfazione di una pretesa legittima, la quale, peraltro, sembrerebbe individuarsi non soltanto in quella, a contenuto patrimoniale, della consegna dei pocket money, ma, verosimilmente, nella rivendicazione di un miglior trattamento generale all’interno della struttura (…)”.

Ricostruiti in questi termini gli accadimenti criminosi, il provvedimento impugnato appare armonico rispetto alla posizione ermeneutica affermata dalla giurisprudenza di legittimità – pur dovendosi dare atto di alcune divergenze interpretative non condivise da questa Corte – in relazione alla distinzione tra il reato di cui all’art. 630 c.p. , e quello di cui agli artt. 393 e 605 c.p. , secondo cui: “Integra il reato di sequestro di persona a scopo di estorsione di cui all’art. 630 c.p. , e non il concorso del delitto di sequestro di persona con quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone (artt. 605 e 393 dello stesso codice), la privazione della libertà di una persona finalizzata a conseguire, come prezzo della liberazione, una prestazione patrimoniale eccedente il credito, azionabile in sede giudiziaria, vantato nei confronti della persona offesa” (cfr. Sez. 6, n. 45064 del 12/06/2014, Sevdari, Rv. 260662).

In questa cornice, il provvedimento impugnato risulta conferente rispetto alla posizione ermeneutica sopra richiamata, secondo la quale è ben possibile che un sequestro di persona finalizzato a ottenere in modi arbitrari la soddisfazione di una legittima pretesa economica possa qualificarsi ai sensi degli artt. 393 e 605 c.p.. Quanto, poi, al fatto che la violenza o la minaccia utilizzate per porre in essere il sequestro possano manifestarsi in termini di particolare intensità, occorre evidenziare che tale profilo influisce sulle caratteristiche della condotta, ma non incide sulla connotazione di ingiustizia del profitto, indispensabile ai fini della configurazione della fattispecie di cui all’art. 630 c.p. (cfr. Sez. 5, n. 9731 del 03/02/2009, Rovere, Rv. 243020; Sez. 5, n. 38438 del 20/09/2001, Welsch, Rv. 219977).

  1. Per queste ragioni processuali, il ricorso proposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta deve essere rigettato.

Deve, infine, rilevarsi che, in caso di diffusione del presente provvedimento, devono essere omesse le generalità e gli altri dati identificativi, a norma del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, art. 52, in quanto imposto dalla legge.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

In caso di diffusione del presente provvedimento omettere le generalità e gli altri dati identificativi, a norma del D.Lgs. 196 del 2003, art. 52, in quanto imposto dalla legge.

Così deciso in Roma, il 27 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 11 novembre 2016

 

archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale avvocato Bolognaavvocato penalistaavvocato penalista Bologna Bologna codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale omicidio comma 1 difesa penalediritto penale fasi indagine penaleindagine penale durata indagini penale interrogatorio avviso conclusione infattipenalista esperto difensa penale reati graviavvocati penalisti Bolognaavvocati penalisti bolognaavvocato penalista esperto difesna penale vicenzaavvocato penalista studio legale diritto penale Bologna reato reato abituale reato ambientale reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamia reato bancarotta fraudolenta prescrizionereato banconote false reato denunciareato estinto casellario giudiziale reato estorsione reato falso ideologico reato falso in bilancio reato favoreggiamento immigrazione clandestina reato guida senza patente reato furto reato guida in stato di ebbrezza reato informatico reato ingiuria reato lesioni reato maltrattamenti in famiglia reato minaccia reato molestie sessuali reato omicidio stradale reato penale reato penale reato querelareato tentata truffa reato violenza privata prescrizione reato xenofobia rinvio a giudizioAvvocati penalisti di Bolognapenalistiavvocato penalista in Bolognaavvocato penalista Bolognastudio legale penale Bologna

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Related Post

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie