SPACCIO, VENDITA PASTIGLIE ECSTASY,CONCORSO REATO

SPACCIO, VENDITA PASTIGLIE ECSTASY,CONCORSO

FOTO LIBRERIA AVVOCATO PENALISTAAVVOCATO PENALISTA BOLOGNALa Corte d’Appello de L’Aquila con sentenza 11.5.2012 ha confermato il giudizio colpevolezza di F.K. in ordine al delitto di concorso in acquisto, con D.T.S., separatamente giudicato e per fini diversi dall’uso personale, di 95 pasticche di ecstasy vendute poi a più riprese a Riccione (artt. 110 cp e 73 DPR n. 309/1990, ipotesi di lieve entità di cui al quinto comma) osservando – per quanto interessa – che il prestito del danaro concesso al compagno di viaggio (il DT.) agevolò ed anzi fu determinante per l’acquisto delle pasticche, per cui non ricorreva l’ipotesi della mera connivenza non punibile su cui aveva insistito la difesa dell’appellante.

La Corte di merito nel caso di specie ha ravvisato il concorso nel reato valorizzando il dato – peraltro sottaciuto nei motivi di appello – della conoscenza delle intenzioni del compagno di viaggio (rifornirsi di droga) e del prestito del danaro, circostanza, questa, che secondo l’apprezzamento del giudice di merito “agevolò ed anzi fu determinante per l’acquisto delle pasticche stesse”, sicché non si poteva parlare di mera connivenza ma di condotta materiale “addirittura determinante per la commissione del reato dal momento che senza la somma, sia pure data a titolo di prestito, il cui uso il mutuante ben sapeva, il reato stesso non si sarebbe potuto commettere”

 

 FGGG2

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III PENALE

Sentenza 23 ottobre – 20 novembre 2014, n. 48011
(Presidente Mannino – Relatore Orilia)

Ritenuto in fatto

La Corte d’Appello de L’Aquila con sentenza 11.5.2012 ha confermato il giudizio colpevolezza di F.K. in ordine al delitto di concorso in acquisto, con D.T.S., separatamente giudicato e per fini diversi dall’uso personale, di 95 pasticche di ecstasy vendute poi a più riprese a Riccione (artt. 110 cp e 73 DPR n. 309/1990, ipotesi di lieve entità di cui al quinto comma) osservando – per quanto interessa – che il prestito del danaro concesso al compagno di viaggio (il DT.) agevolò ed anzi fu determinante per l’acquisto delle pasticche, per cui non ricorreva l’ipotesi della mera connivenza non punibile su cui aveva insistito la difesa dell’appellante.

Il difensore ricorre per cassazione denunziando due motivi.

Considerato in diritto

1. Col primo motivo denunzia illogicità della motivazione con riferimento alle dichiarazioni del prevenuto osservando che la Corte ha malamente valutato la prova indiziaria fondando la sua decisione su una congettura senza considerare il comportamento tenuto dall’imputato alla presenza dei Carabinieri e il mancato rinvenimento di sostanza stupefacente indosso. La Corte, dunque, non ha fatto corretta applicazione dei principi su cui si fonda la distinzione tra concorso nel reato e mera connivenza.

Col secondo motivo il ricorrente denunzia violazione dell’art. 533 cpp e manifesta illogicità nonché contraddittorietà della motivazione dolendosi della mancata assoluzione per mancanza di prova della responsabilità “al di là di ogni ragionevole dubbio”: ritiene che nel caso di specie, le risultanze istruttorie, se valutate attentamente, avrebbero dovuto far sorgere più di un dubbio sulla sussistenza della fattispecie criminosa, avendo il F. narrato con estrema veridicità l’effettivo svolgersi dei fatti.

2 Entrambi i motivi di ricorso sono inammissibili sia per difetto di specificità (artt. 581 lett. c e 591 lett. c cpp) che per manifesta infondatezza (art. 606 ultimo comma cpp).

Innanzitutto, è bene ricordare che secondo la costante giurisprudenza di legittimità in tema di detenzione di sostanze stupefacenti, la distinzione tra connivenza non punibile e concorso nel reato commesso da altro soggetto va individuata nel fatto che la prima postula che l’agente mantenga un comportamento meramente passivo, inidoneo ad apportare alcun contributo alla realizzazione del reato, mentre il secondo richiede un contributo partecipativo positivo – morale o materiale – all’altrui condotta criminosa, anche in forme che agevolino o rafforzino il proposito criminoso del concorrente (tra le varie, cfr. Sez. 4, Sentenza n. 4055 del 12/12/2013 Ud. dep. 29/01/2014 Rv. 258186 Sez. 6, Sentenza n. 47562 del 29/10/2013 Cc. dep. 29/11/2013 Rv. 257465).

La Corte di merito nel caso di specie ha ravvisato il concorso nel reato valorizzando il dato – peraltro sottaciuto nei motivi di appello – della conoscenza delle intenzioni del compagno di viaggio (rifornirsi di droga) e del prestito del danaro, circostanza, questa, che secondo l’apprezzamento del giudice di merito “agevolò ed anzi fu determinante per l’acquisto delle pasticche stesse”, sicché non si poteva parlare di mera connivenza ma di condotta materiale “addirittura determinante per la commissione del reato dal momento che senza la somma, sia pure data a titolo di prestito, il cui uso il mutuante ben sapeva, il reato stesso non si sarebbe potuto commettere”.

Come si vede il percorso motivazionale si presenta completo privo di fratture logiche e in aderenza ai principi di diritto esposti, per cui si sottrae decisamente alla censura che invece – in violazione del principio di specificità dei motivi – si risolve in

una generica critica senza neppure l’indicazione delle circostanze ritenute “non univoche” sulla partecipazione al reato e della versione dei fatti fornita dall’imputato

che, a dire del ricorrente, avrebbe dovuto quanto meno giustificare l’assoluzione con la formula di cui all’art. 530 comma 2 cpp.

Infine, ma solo per completezza, va rilevato che la pena inflitta dai giudici di merito (anni uno di reclusione €. 3.000 di multa, partendo da una pena base di anni due e mesi tre di reclusione e €. 6.000,00 di multa, poi ridotta per le generiche e per il rito prescelto) non appare illegale anche alla luce della nuova normativa che ha introdotto, per i fatti di lieve entità di cui all’art. 73 quinto comma DPR n. 309/1990 l’ipotesi autonoma di reato punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e la multa da €. 1.032 a €. 10.329,00 (cfr. art. 2 D.L. n. 146/2913 convertito in legge n. 10/2014).

Non ravvisandosi assenza di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità (Corte Cost. sentenza 13.6.2000 n. 186), alla condanna del ricorrente al pagamento delle spese del procedimento consegue quella al pagamento della sanzione pecuniaria ai sensi dell’art. 616 cpp nella misura indicata in dispositivo.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali nonchè della somma di €. 1.000,00 in favore della Cassa delle Ammende.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

More from my site

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie