TRUFFA AGGRAVATA E ODIOSA :QUELLA AGLI ANZIANI

 

TRUFFA AGGRAVATA E ODIOSA :QUELLA AGLI ANZIANI

 

 

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

avvocato penalista Bologna, ricorsi cassazione penale, cortesia e preparazione

S.G. (non ricorrente), B.B. , A.T., Be.Cr. erano accusati del delitto di cui agli artt. 110, 643, 61 n. 7 cp. perché in concorso fra loro ed al fine di procurarsi un profitto, abusando dello stato di infermità e deficienza psichica di b.l. n. (omissis) , anziana di età ed affetta da parziale sordità e da problemi mentali causati da una meningite, che l’aveva colpita da bambina, l’inducevano a recarsi presso il suo istituto di credito a prelevare la somma totale di Euro 36.000 (suddivisa in Euro 10.000 in contanti e la rimanenza in assegno circolare,) costituente tutti i suoi risparmi, ed a consegnare infine tale somma di denaro contante e l’assegno ad A.T. e Be.Cr., atto quest’ultimo che importava un effetto gravemente dannoso per la stessa b. . Avendo agito con le seguenti condotte: Be. ed A. , travisate entrambe con parrucche, l’una alla guida dell’autovettura Ford Focus e la seconda sopraggiunta a piedi per simulare un incontro casuale, fermavano per strada la b., dapprima con la scusa di una indicazione stradale e poi, convincendola a salire a bordo della Ford Focus, dove le raccontavano la seguente storia: che avrebbero potuto entrare in possesso di una somma rilevante di circa Euro 200.000, che era inizialmente destinata ad essere donata ad un ente benefico, tramite un medico non meglio indicato, ma che, essendo il fantomatico medico deceduto, avrebbe potuto essere divisa tra loro tre. Il che però sarebbe potuto avvenire soltanto a condizione che venisse stipulato un atto notarile e che il notaio, per redigere tale atto, aveva necessità di una somma in contanti a titolo di garanzia. Cosi facendo, inducevano la b. a prelevare dalla banca tutti i suoi risparmi ed a consegnarli alle stesse Be. ed A. . Per aver S. e B. (marito di A. ) costantemente seguito l’autovettura Ford Focus a bordo di altra autovettura, una Fiat Bravo pronti ad intervenire per qualsiasi evenienza. Subito dopo la consegna del denaro alla Be. e all’A. , intervenivano i militari dei C. C. di Milano che avevano seguito dall’inizio tutti i movimenti degli indagati. Con l’aggravante di aver cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità alla b. In (omissis) nell’arco di tempo dalle ore 1 30 alle 17,10. Con la recidiva specfica infraquinquennale ex art. 99 co. 2 n. 1 e 2 c.p. per A. e B. .

 

 

. e Be. ricorrono avverso la sentenza 25 novembre 2010 della Corte di appello di Milano, la quale, pronunciando in sede di rinvio dalla Corte di Cassazione (sentenza 13812 sezione seconda penale), in parziale riforma della sentenza del G.I.P. di Milano in data 15 luglio 2009, ha dichiarato S.G. (oggi non ricorrente), B.B., A.T. e Be.Cr. responsabili del reato di cui agli artt. 110, 640 e 61 n. 7 c.p. così modificata l’originaria imputazione e ha rideterminato la pena loro inflitta, non considerato l’aumento facoltativo per la recidiva, nella misura di anni 2 mesi 6 di reclusione ed Euro 800 di multa ciascuno

DIRITTO PENALE AMBIENTALE AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

DECRETO PENALE DI CONDANNA REMISSIONE IN TERMINI? AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA
. Con ordinanza del 16/12/2013 il G.I.P. del Tribunale di Rimini ha respinto l’istanza proposta da (OMISSIS), intesa ad ottenere la restituzione nel termine, ai sensi dell’articolo 175 c.p.p., comma 2, per impugnare il decreto penale di condanna emesso nei suoi confronti in data 28/4/2008 per il reato p. e p. dall’articolo 186 C.d.S., commi 1 e 2, lettera b) e comma 2 bis, commesso il (OMISSIS).

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE VI PENALE

Sentenza 28 novembre – 11 dicembre 2012, n. 47879

(Presidente Garribba – Relatore Lanza)

Ritenuto in fatto e considerato in diritto

B., A. e Be. ricorrono avverso la sentenza 25 novembre 2010 della Corte di appello di Milano, la quale, pronunciando in sede di rinvio dalla Corte di Cassazione (sentenza 13812 sezione seconda penale), in parziale riforma della sentenza del G.I.P. di Milano in data 15 luglio 2009, ha dichiarato S.G. (oggi non ricorrente), B.B., A.T. e Be.Cr. responsabili del reato di cui agli artt. 110, 640 e 61 n. 7 c.p. così modificata l’originaria imputazione e ha rideterminato la pena loro inflitta, non considerato l’aumento facoltativo per la recidiva, nella misura di anni 2 mesi 6 di reclusione ed Euro 800 di multa ciascuno.

1.) i motivi di impugnazione e le ragioni della decisione di questa Corte.

S.G. (non ricorrente), B.B. , A.T., Be.Cr. erano accusati del delitto di cui agli artt. 110, 643, 61 n. 7 cp. perché in concorso fra loro ed al fine di procurarsi un profitto, abusando dello stato di infermità e deficienza psichica di b.l. n. (omissis) , anziana di età ed affetta da parziale sordità e da problemi mentali causati da una meningite, che l’aveva colpita da bambina, l’inducevano a recarsi presso il suo istituto di credito a prelevare la somma totale di Euro 36.000 (suddivisa in Euro 10.000 in contanti e la rimanenza in assegno circolare,) costituente tutti i suoi risparmi, ed a consegnare infine tale somma di denaro contante e l’assegno ad A.T. e Be.Cr., atto quest’ultimo che importava un effetto gravemente dannoso per la stessa b. . Avendo agito con le seguenti condotte: Be. ed A. , travisate entrambe con parrucche, l’una alla guida dell’autovettura Ford Focus e la seconda sopraggiunta a piedi per simulare un incontro casuale, fermavano per strada la b., dapprima con la scusa di una indicazione stradale e poi, convincendola a salire a bordo della Ford Focus, dove le raccontavano la seguente storia: che avrebbero potuto entrare in possesso di una somma rilevante di circa Euro 200.000, che era inizialmente destinata ad essere donata ad un ente benefico, tramite un medico non meglio indicato, ma che, essendo il fantomatico medico deceduto, avrebbe potuto essere divisa tra loro tre. Il che però sarebbe potuto avvenire soltanto a condizione che venisse stipulato un atto notarile e che il notaio, per redigere tale atto, aveva necessità di una somma in contanti a titolo di garanzia. Cosi facendo, inducevano la b. a prelevare dalla banca tutti i suoi risparmi ed a consegnarli alle stesse Be. ed A. . Per aver S. e B. (marito di A. ) costantemente seguito l’autovettura Ford Focus a bordo di altra autovettura, una Fiat Bravo pronti ad intervenire per qualsiasi evenienza. Subito dopo la consegna del denaro alla Be. e all’A. , intervenivano i militari dei C. C. di Milano che avevano seguito dall’inizio tutti i movimenti degli indagati. Con l’aggravante di aver cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità alla b. In (omissis) nell’arco di tempo dalle ore 1 30 alle 17,10. Con la recidiva specfica infraquinquennale ex art. 99 co. 2 n. 1 e 2 c.p. per A. e B. .

La Corte di appello, decidendo quale giudice di rinvio, dopo l’annullamento con rinvio del Supremo collegio, qualificati i fatti sotto il profilo della truffa aggravata ex art. 61 n.7 cod. pen., ha ritenuto tale delitto “consumato” poiché i prevenuti avevano ormai acquisito l’autonoma disponibilità del denaro, carpito alla b., mentre i carabinieri sarebbero intervenuti dopo aver discretamente seguito le mosse degli imputati sospettando soltanto che si stesse perpetrando un illecito.

Con un primo motivo di impugnazione viene dedotta inosservanza ed erronea applicazione della legge, nonché vizio di motivazione sotto il profilo della ritenuta consumazione, considerato che nella vicenda non sarebbe stato portato a termine l’ultimo atto della condotta, e cioè la “fuga degli imputati”, con conseguente insussistenza dell’avvenuta la definitiva apprensione del denaro, e della coeva insussistenza del danno morale (e dunque l’offesa) alla persona offesa.

Ad avviso dei ricorrenti il danno economico non si sarebbe realizzato in ragione del fatto che non era stata acquisita alcuna disponibilità, nemmeno momentanea, sul denaro, e che la temporanea apprensione del denaro stesso all’interno di una autovettura “circondata” dai Carabinieri, operanti ed in attesa di intervenire dopo aver seguito tutto lo svolgersi dell’azione, può in effetti essere considerato momento consumativo di un reato solo attraverso un artifizio dialettico funzionale ad aggravare la pena.

Il motivo non ha fondamento.

Reputa infatti il collegio che, nella specie, si sia pienamente concretizzato il “delitto aggravato”, ritenuto dalla corte distrettuale, dal momento che il denaro ed il titolo (pronto all’incasso), ottenuti con frode, erano nella piena disponibilità degli accusati a nulla rilevando, nell’economia del crimine, che vi sia stato – predisposto o meno – l’intervento dei Carabinieri (che seguivano i movimenti degli imputati) idoneo ed efficace per la restituzione del compendio illecito alla vittima, considerato che la truffa è reato istantaneo e di danno, che si perfeziona nel momento in cui alla realizzazione della condotta tipica da parte dell’autore abbia fatto seguito, come nella specie, la “deminutio patrimonii” del soggetto passivo e la “locupletatio” dell’agente.

Con un secondo motivo si lamenta che essendo rimasto il delitto allo stadio del tentativo non vi era spazio per l’applicazione della aggravante dell’art. 61 n.7 cod. pen., la quale in ogni caso andava tarata con riferimento al denaro consegnato, pari ad Euro 10 mila in contanti e non anche all’assegno circolare dell’importo di Euro 26 mila.

Il motivo è privo di fondatezza atteso il rigetto della prima censura, qui solo osservandosi che, comunque, anche valutando il solo esborso di 10 mila Euro, ad opera di persona anziana di età (con problemi psichici) e costituente parte consistente delle sue uniche risorse economiche, esso integra ex se la contestata aggravante ex art. 61 n. 7 cod. pen., considerato il doppio convergente parametro della l’entità oggettiva dell’esborso e della capacità economica della danneggiata (cass. pen. sez. 2,. 42351/2007 Rv. 238761).

Con un terzo motivo si prospetta vizio di motivazione in ordine alla negazione delle circostanze attenuanti generiche e sulla determinazione della sanzione.

Il motivo non può essere accolto in relazione alla consolidata giurisprudenza di questa Corte.

In proposito va infatti premesso che il riconoscimento delle attenuanti generiche risponde a una facoltà discrezionale, il cui esercizio, positivo o negativo che sia, deve essere bensì motivato, ma nei soli limiti atti a far emergere in misura sufficiente il pensiero dello stesso giudice circa l’adeguamento della pena concreta alla gravità effettiva del reato ed alla personalità del reo.

Nella specie risulta infatti che tutto l’argomentare dei giudici di merito è stato ineccepibilmente fondato su una serie di valutazioni, incompatibili con le invocate attenuanti, le quali attengono alla assenza in capo ai ricorrenti di un “minimo di umana considerazione per la vittima”, con l’evidenziazione di “una capacità criminale e di una pericolosità fuori dal comune” nel quadro di una valutazione radicalmente negativa della personalità degli imputati.

I ricorsi pertanto, nella verificata tenuta logica e coerenza strutturale del provvedimento impugnato, risultano infondati e le parti proponenti vanno condannate ex art.616 C.P.P. al pagamento delle spese del procedimento.

P.Q.M.

Rigetta i ricorsi e condanna i ricorrenti, ciascuno, al pagamento delle spese processuali.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie