AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA ABBANDONO TETTO CONIUGALE REATO O NO?

 

 

AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA ABBANDONO TETTO CONIUGALE REATO O NO?

 

Violazione degli obblighi di assistenza familiare” è punito con la reclusione fino ad anno o con la multa da 103 a 1032 euro chiunque, abbandonando il
domicilio familiare, o comunque serbando una condotta
contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si
sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà
dei genitori o alla qualità di coniuge.

 

avvocato cassazionista bella

La Corte di Appello di Catanzaro con l’indicata sentenza del 19.5.2011 ha confermato la decisione, impugnata dall’imputato, emessa il 22.9.2008 dal Tribunale di Castrovillari, con la quale all’esito di giudizio ordinario la cittadina russa B.E. è stata riconosciuta colpevole del reato di abbandono ingiustificato del domicilio coniugale (art. 570 c.p., comma 1), perchè il 31.3.2005 si allontanava dall’abitazione familiare senza farvi più ritorno, così sottraendosi agli obblighi di assistenza morale nei confronti del marito V.L. con cui aveva contratto matrimonio il (OMISSIS). Responsabilità sanzionata con la condanna, previa concessione di attenuanti generiche, alla pena condizionalmente sospesa di due mesi di reclusione.

 

La Corte territoriale, disattendendo le doglianze espresse con l’atto di appello dell’imputata, ha condiviso la ricostruzione e la valutazione della vicenda processuale sviluppate dalla decisione di primo grado. Alla luce delle dichiarazioni del coniuge V.L., costituitosi parte civile, risultano accertate, secondo la Corte di Appello, sia l’abbandono della casa coniugale da parte dell’imputata, riferito in denuncia e confermato in dibattimento dal V., sia l’assenza di qualunque ragionevole spiegazione di tale condotto.

Condotto da ricondursi alla deliberata volontà della B. e non a supposte cause di forza maggiore o a fatti costrittivi subiti dalla donna, atteso che – come si evince dalle relazioni delle indagini di p.g. acquisite in atti sull’accordo delle parti – l’imputata è stata identificata a (OMISSIS) presso la Questura, dove si era recata per rinnovare il suo permesso di soggiorno lavorativo, svolgendo attività di domestica alle dipendenze di un’anziana signora romana (come confermato in quell’occasione dalla figlia della signora, che accompagnava la B. per l’incombenza burocratica).

 

AMA9

. Ora è agevole osservare che, come già chiarito da questa Corte regolatrice, il reato di cui all’art. 570 c.p., comma 1, nella forma dell’abbandono del domicilio domestico, non può ritenersi configurabile per il solo fatto storico dell’avvenuto allontanamento di uno dei coniugi dalla casa coniugale (v.: Cass. Sez. 6, 14.7.1989 n. 13724, Chianta, rv. 182278 Cass. Sez. 6, 12.3.1999 n. 11064, Innamorato, rv. 214330). Posto che la fattispecie criminosa si perfeziona soltanto se e quando il contegno del soggetto agente si traduca in un’effettiva sottrazione agli obblighi di assistenza materiale e morale nei confronti del coniuge “abbandonato” (del che, nel caso oggetto di ricorso, nessuna prova è individuata nè dall’impugnata sentenza di appello, nè da quella di primo grado), occorre ribadire che – alla luce della normativa regolante i rapporti di famiglia e della stessa evoluzione del costume sociale e relazionale – la qualità di coniuge non è più uno stato permanente, ma una condizione modificabile per la volontà, anche di uno solo, di rompere o sospendere il vincolo matrimoniale. Volontà la cui autonoma manifestazione, pur se non perfezionata nelle specifiche forme previste per la separazione o lo scioglimento del vincolo coniugale, può essere idonea ad interrompere senza colpa e senza effetti penalmente rilevanti taluni obblighi, tra i quali quello della coabitazione. La logica ulteriore conseguenza, ignorata dalla sentenza impugnata, è che la condotta tipica di abbandono del domicilio domestico è integrata soltanto se l’allontanamento risulti privo di una giusta causa, connotandosi di reale disvalore dal punto di vista etico e sociale (Cass. Sez. 6, 14.10.2004 n. 44614, Romeo, rv. 230523).

Nella vicenda per cui è processo il Tribunale prima e la Corte distrettuale poi si sono limitati ad accertare il mero dato oggettivo dell’allontanamento della B. dal domicilio familiare, senza alcuna indispensabile verifica dell’esistenza di ragioni idonee a giustificare tale condotta materiale, quali – in ipotesi – l’impossibilità, intollerabilità o estrema penosità della convivenza

 

 

 

Cass. pen. Sez. VI, Sent., (ud. 28-03-2012) 02-04-2012, n. 12310

Svolgimento del processo – Motivi della decisione

  1. La Corte di Appello di Catanzaro con l’indicata sentenza del 19.5.2011 ha confermato la decisione, impugnata dall’imputato, emessa il 22.9.2008 dal Tribunale di Castrovillari, con la quale all’esito di giudizio ordinario la cittadina russa B.E. è stata riconosciuta colpevole del reato di abbandono ingiustificato del domicilio coniugale (art. 570 c.p., comma 1), perchè il 31.3.2005 si allontanava dall’abitazione familiare senza farvi più ritorno, così sottraendosi agli obblighi di assistenza morale nei confronti del marito V.L. con cui aveva contratto matrimonio il (OMISSIS). Responsabilità sanzionata con la condanna, previa concessione di attenuanti generiche, alla pena condizionalmente sospesa di due mesi di reclusione.

La Corte territoriale, disattendendo le doglianze espresse con l’atto di appello dell’imputata, ha condiviso la ricostruzione e la valutazione della vicenda processuale sviluppate dalla decisione di primo grado. Alla luce delle dichiarazioni del coniuge V.L., costituitosi parte civile, risultano accertate, secondo la Corte di Appello, sia l’abbandono della casa coniugale da parte dell’imputata, riferito in denuncia e confermato in dibattimento dal V., sia l’assenza di qualunque ragionevole spiegazione di tale condotto.

Condotto da ricondursi alla deliberata volontà della B. e non a supposte cause di forza maggiore o a fatti costrittivi subiti dalla donna, atteso che – come si evince dalle relazioni delle indagini di p.g. acquisite in atti sull’accordo delle parti – l’imputata è stata identificata a (OMISSIS) presso la Questura, dove si era recata per rinnovare il suo permesso di soggiorno lavorativo, svolgendo attività di domestica alle dipendenze di un’anziana signora romana (come confermato in quell’occasione dalla figlia della signora, che accompagnava la B. per l’incombenza burocratica).

  1. Avverso l’illustrata sentenza di appello ha proposto ricorso per cassazione il difensore dell’imputata, deducendo violazione dell’art. 192 c.p.p. e carenza di motivazione con riferimento alla mancanza di idonee prove della sussistenza del reato contestato alla B. segnatamente sotto il profilo dell’elemento soggettivo. In vero sono rimaste oscure le ragioni per cui la donna si è allontanata dalla casa coniugale, non emergendo la reale ingiustificabilità di tale condotta, desunta dalle sole dichiarazioni del marito, persona offesa costituitasi parte civile. Dichiarazioni che la sentenza di appello, al pari del giudice di primo grado, gratifica di piena credibilità, senza tuttavia fornire indicazioni sui riscontri acquisiti a sostegno dell’assunto accusatorio e senza fornire adeguata risposta ai rilievi formulati con il gravame.
  2. Il ricorso è fondato.

3.1. Con argomento solo in apparenza lineare i giudici di secondo grado, sulla scia della confermata decisione del Tribunale, hanno ritenuto che le dichiarazioni del denunciante marito dell’imputata, asseveranti la mancanza di ragionevoli spiegazioni dell’abbandono del “tetto” coniugale da parte della consorte, sono state riscontrate, sotto il profilo della volontarietà del contegno antigiuridico della donna, dalle emergenze delle indagini di polizia giudiziaria.

Indagini che hanno accertato il trasferimento o comunque la presenza della B. a Roma per svolgervi attività lavorativa e, quindi, la sottostante non giustificata volontarietà del suo abbandono del coniuge e della dimora coniugale (OMISSIS).

Ma tale motivazione è in tutta evidenza contraddittoria e tautologica, poichè da un lato si inserisce in un quadro di totale carenza di accertamenti coevi al momento dell’abbandono della dimora da parte dell’imputata (non risultando effettuato, alla luce della motivazione delle due sentenze contumaciali di merito, alcun genere di verifica o controllo per ricomporre sul piano fenomenico il contegno della donna, benchè lo stesso marito abbia – ad esempio – narrato che la B. sarebbe uscita, senza ritornare più a casa, per incontrarsi con alcune amiche ucraine residenti in (OMISSIS)) e poichè, d’altro lato, nulla sulle reali cause dell’allontanamento è dato inferire dalla sola evenienza per cui la donna, ad un anno e mezzo di distanza dal denunciato episodio, si sarebbe trovata a Roma, ivi svolgendo attività lavorativa come badante.

3.2. Ora è agevole osservare che, come già chiarito da questa Corte regolatrice, il reato di cui all’art. 570 c.p., comma 1, nella forma dell’abbandono del domicilio domestico, non può ritenersi configurabile per il solo fatto storico dell’avvenuto allontanamento di uno dei coniugi dalla casa coniugale (v.: Cass. Sez. 6, 14.7.1989 n. 13724, Chianta, rv. 182278 Cass. Sez. 6, 12.3.1999 n. 11064, Innamorato, rv. 214330). Posto che la fattispecie criminosa si perfeziona soltanto se e quando il contegno del soggetto agente si traduca in un’effettiva sottrazione agli obblighi di assistenza materiale e morale nei confronti del coniuge “abbandonato” (del che, nel caso oggetto di ricorso, nessuna prova è individuata nè dall’impugnata sentenza di appello, nè da quella di primo grado), occorre ribadire che – alla luce della normativa regolante i rapporti di famiglia e della stessa evoluzione del costume sociale e relazionale – la qualità di coniuge non è più uno stato permanente, ma una condizione modificabile per la volontà, anche di uno solo, di rompere o sospendere il vincolo matrimoniale. Volontà la cui autonoma manifestazione, pur se non perfezionata nelle specifiche forme previste per la separazione o lo scioglimento del vincolo coniugale, può essere idonea ad interrompere senza colpa e senza effetti penalmente rilevanti taluni obblighi, tra i quali quello della coabitazione. La logica ulteriore conseguenza, ignorata dalla sentenza impugnata, è che la condotta tipica di abbandono del domicilio domestico è integrata soltanto se l’allontanamento risulti privo di una giusta causa, connotandosi di reale disvalore dal punto di vista etico e sociale (Cass. Sez. 6, 14.10.2004 n. 44614, Romeo, rv. 230523).

Nella vicenda per cui è processo il Tribunale prima e la Corte distrettuale poi si sono limitati ad accertare il mero dato oggettivo dell’allontanamento della B. dal domicilio familiare, senza alcuna indispensabile verifica dell’esistenza di ragioni idonee a giustificare tale condotta materiale, quali – in ipotesi – l’impossibilità, intollerabilità o estrema penosità della convivenza.

E’ evidente che il compito del giudicante non può esaurirsi nell’accertamento del solo fatto storico dell’abbandono, ma include l’ineludibile ricostruzione del contesto concreto in cui esso si è verificato. Ricostruzione in difetto della quale rimane inesplorata la necessaria verifica dell’elemento soggettivo del reato.

Nell’ambito delle lacunose indagini della pubblica accusa (nulla è dato sapere sul rapporto coniugale della parte civile e dell’imputata, nè se vi siano figli della coppia o prossimi congiunti dei coniugi) i giudici di merito, neppure ponendosi un problema di più approfondita conoscenza (con gli strumenti di cui agli artt. 507 e 603 c.p.p.), si sono limitati ad osservare che l’imputata ebbe a lasciare la dimora familiare. Su tale esclusivo dato si è ravvisato il reato contestato alla B., giudicandosi appagante la verosimile inesistenza di cause di forza maggiore sottese a tale allontanamento domiciliare per la sola emersa presenza, ad oltre un anno di distanza dal fatto, dell’imputata a (OMISSIS) per motivi di lavoro. Nè, diversamente da quanto paiono supporre le due conformi decisioni di merito, può farsi carico all’imputato di offrire dimostrazione delle ragioni della propria scelta, essendo dovere del p.m. prima e del giudice poi l’accertamento completo degli elementi costitutivi, materiale e soggettivo, della fattispecie criminosa.

Se ne inferisce allora che, nel vuoto probatorio (non altrimenti colmabile a distanza di anni dal fatto) caratterizzante la vicenda processuale, la sentenza di appello impugnata deve essere annullata senza rinvio perchè il fatto criminoso attribuito alla ricorrente non costituisce reato.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perchè il fatto non costituisce reato.

 

archiviazione indagine penale archiviazione indagine penale avvocato Bologna avvocato penalista avvocato penalista a Bologna avvocato penalista Bologna codice penale codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale avvocato Bolognaavvocato penalistaavvocato penalista Bologna Bologna codice penale ingiuria codice penale lesioni gravi codice penale omicidio comma 1 comma 2difesa penale diritto penale fasi indagine penale indagini penale interrogatorio avviso conclusione infattipenalista esperto difensa penale reati graviavvocati penalisti Bolognaavvocati penalisti bolognaavvocato penalista esperto difesna penale vicenzaavvocato penalista studio legale diritto penale Bologna reato reato abituale reato ambientale reato appropriazione indebita reato associativo reato bigamia reato bancarotta fraudolenta prescrizionereato banconote false reato denunciareato estinto casellario giudiziale reato estorsione reato falso ideologico reato falso in bilancio reato favoreggiamento immigrazione clandestina reato guida senza patente reato furto reato guida in stato di ebbrezza reato informatico reato ingiuria reato lesioni reato maltrattamenti in famiglia reato minaccia reato molestie sessuali reato omicidio stradale reato penale reato penale reato querelareato tentata truffa reato violenza privata prescrizione reato xenofobia rinvio a giudizioAvvocati penalisti di Bolognapenalistiavvocato penalista in Bolognaavvocato penalista Bolognastudio legale penale Bologna

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

More from my site

Related Post

Avvocato Sergio Armaroli

Avvocato Cassazionista Sergio Armaroli

L'avvocato Sergio Armaroli ha fondato lo studio legale Armaroli a Bologna nel 1997.

Da allora ha assistito centinaia di clienti in ambito civile e penale, in tutti i gradi di giudizio, sempre con l'attenzione e l'impegno che lo contraddistinguono, conseguendo numerosi successi e soddisfazioni.

L'avvocato Armaroli riceve tutti i giorni nel suo studio dalle ore 9:00 alle ore 19:00 in via Solferino 30.

Dicono di me i clienti

Salve a tutti, mi sono trovato di recente a dover affrontare diverse problematiche relative al mondo del lavoro. Fortunatamente ho incontrato l’ Avv. Sergio Armaroli il quale ha saputo guidarmi nelle varie situazioni con grande calma e professionalità. La pratica è stata risolta in poco tempo e con soddisfazione di tutti. From Avvocato Penalista Bologna, […]- Utente Google
Cordialità e ottima accoglienza…Esprimo la mia totale soddisfazione nel servizio reso con professionalità,   esaudiente conoscenza del diritto e della legge in tutte le sue interpretazioni. Velata la sincerità e la schiettezza nelle probabili risoluzioni dei problemi di avversità penale . Determinazione e concretezza sono cornice della sua impeccabile figura  .Ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli e consiglio vivamente […]- Federico : ringrazio l’avvocato Sergio Armaroli
Inconditi ne placute de viata am cunoscut av. SERGIO ARMAROLI o persoana minunata cu un caracter forte si determinat, pregatit profesional la un inalt nivel. Cu profesionalitatea sa m-a ajutat sa trec cu bine de probleme financiare cu banci in italia,de aceea il recomand la toate persoanele de origine romina care au probleme judiciare de […]- Utente Google
In un momento della mia vita mi sono trovata in difficoltà ma per fortuna ho conosciuto l’avvocato SERGIO ARMAROLI, il quale ha risolto i miei problemi dimostrando grande capacità e preparazione e grande senso di umanità e gentilezza. per questo raccomando a tutti i quali abbiano problemi di rivolgersi con fiducia all’avvocato SERGIO ARMAROLI Grazie […]- Elena
Buongiorno avv., Mi sono rivolta a Lei xke’ ho alcune cose da sistemare in merito alla mia separazione. Dal colloquio ke abbiamo avuto posso dire di essere stata molto soddisfatta grazie alla sua competenza e disponibilita’ nel venire a capo alle grosse problematiche ke questa situazione crea. From Avvocato Penalista Bologna, post Sabrina Post Footer […]- Sabrina

Categorie