SEPARARSI A BOLOGNA!! COME QUANDO PERCHE’?

aaprocessopenale bella - SEPARARSI A BOLOGNA!! COME QUANDO PERCHE’?

La separazione può essere chiesta quando si verificano, anche indipendentemente dalla volontà di uno o di entrambi i coniugi, fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio all’educazione della prole.
MODULO DI CONTATTO - CONTATTAMI ORA-335 8174816 - 051 6447838
AVVOCATO PENALISTA ESPERTO DI ESPERIENZA APPELLO CASSAZIONE TRIBUNALE

Il giudice, pronunziando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio(

aavv penale2 - SEPARARSI A BOLOGNA!! COME QUANDO PERCHE’?

Secondo Cass. civ. n. 3925/2018

Le reiterate violenze fisiche e morali, inflitte da un coniuge all’altro, costituiscono violazioni talmente gravi dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare, di per sé sole, non solo la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti la intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all’autore di esse. Il loro accertamento esonera il giudice del merito dal dovere di procedere alla comparazione, ai fini dell’adozione delle relative pronunce, col comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze, trattandosi di atti che, in ragione della loro estrema gravità, sono comparabili solo con comportamenti omogenei.

 Il Collegio deve, poi, con riguardo al nesso di causalità, ribadire il principio secondo cui le violenze fisiche nel rapporto coniugale costituiscono violazioni talmente gravi ed inaccettabili dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare, di per sè sole -quand’anche concretantisi in un unico episodio di percosse-, non solo la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti l’intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all’autore, e da esonerare il giudice del merito dal dovere di comparare con esse, ai fini dell’adozione delle relative pronunce, il comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze, trattandosi di atti – lesivi, pure, della pari dignità della persona-i quali, in ragione della loro estrema gravità, sono comparabili solo con comportamenti omogenei (cfr. Cass. n. 7321 del 2005 e n. 11844 del 2006), e cui va riconnessa incidenza causale preminente rispetto a preesistenti cause di crisi dell’affectio coniugalis (cfr. Cass. n. 7388 del 2017, in motivazione).

Separazione personale dei coniugi – Addebitabilità – Aggressione e violazione dei diritti della persona – Comparazione come reazione alla condotta dell’altro coniuge – Esclusione. (Cc, articoli 151) 
In tema di addebitabilità della separazione personale, ove i fatti accertati a carico di un coniuge costituiscano violazione di norme di condotta imperative e inderogabili, traducendosi nell’aggressione a beni e diritti fondamentali della persona quali l’incolumità e l’integrità fisica, morale sociale dell’altro coniuge così da oltrepassare quella soglia minima di solidarietà e di rispetto comunque necessaria e doverosa per la personalità del partner, essi sono insuscettibili di essere giustificati come ritorsione e reazione al comportamento di quest’ultimo, sottraendosi anche alla comparazione con tale comportamento, la quale non può costituire un mezzo per escludere l’addebitabilità nei confronti del coniuge che quei fatti ha posto in essere. 

Separazione giudiziale – Imposizione di principi o di particolare mentalità di un coniuge – Violazione dei doveri del matrimonio – Sufficienza per l’addebito – Sussiste. (Cc, articoli 143, 144, 147 e 151) 
Al fine dell’addebitabilità della separazione, il comportamento di un coniuge, rivolto a imporre i propri particolari principi o la propria particolare mentalità, può assumere rilevanza solo se si traduca in violazione dei doveri discendenti dal matrimonio, o comunque sia inconciliabile con i doveri medesimi, atteso che, in caso contrario, e per quanto detti principi o mentalità siano criticabili, si resta nell’ambito delle peculiarità caratteriali, le quali valgono a spiegare le difficoltà del rapporto, ed eventualmente l’errore originariamente commesso nella reciproca scelta, ma non integrano situazioni d’imputabilità della crisi, nel senso previsto dall’articolo 151, comma 2, del codice civile. 

Secondo Cass. civ. n. 16909/2015 la separazione consensuale è un negozio di diritto familiare avente un contenuto essenziale

 il consenso reciproco a vivere separati, l’affidamento dei figli, l’assegno di mantenimento ove ne ricorrano i presupposti – ed un contenuto eventuale, che trova solo occasione nella separazione, costituito da accordi patrimoniali del tutto autonomi che i coniugi concludono in relazione all’instaurazione di un regime di vita separata (nella specie vendita della casa familiare e attribuzione del ricavato a ciascun coniuge in proporzione al denaro investito nel bene stesso). Ne consegue che questi ultimi non sono suscettibili di modifica (o conferma) in sede di ricorso “ad hoc” ex art. 710 c.p.c. o anche in sede di divorzio, la quale può riguardare unicamente le clausole aventi causa nella separazione personale, ma non i patti autonomi, che restano a regolare i reciproci rapporti ai sensi dell’art. 1372 c.c.

OBBLIGO FEDELTA’ Cass. civ. n. 16859/2015

In tema di separazione tra coniugi, l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà coniugale rappresenta una violazione particolarmente grave, la quale, determinando normalmente l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza, costituisce, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l’addebito della separazione al coniuge responsabile, sempreché non si constati, attraverso un accertamento rigoroso ed una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, la mancanza di nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale, tale che ne risulti la preesistenza di una crisi già irrimediabilmente in atto, in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale.

(Cassazione civile, Sez. VI-1, ordinanza n. 16859 del 14 agosto 2015)

LA SEPARAZIONE PUO’ BEN DIPENDERE DALLA DISUAFEZIONE DEL MATRIMONIO ANCHE SOLO DI UNA PARTE

Cass. civ. n. 8713/2015

 

 

Ai sensi dell’art. 151 c.c. la separazione dei coniugi deve trovare causa e giustificazione in una situazione di intollerabilità della convivenza, intesa come fatto psicologico squisitamente individuale, riferibile alla formazione culturale, alla sensibilità e al contesto interno della vita dei coniugi, purché oggettivamente apprezzabile e giuridicamente controllabile; a tal fine non è necessario che sussista una situazione di conflitto riconducibile alla volontà di entrambi i coniugi, ben potendo la frattura dipendere da una condizione di disaffezione al matrimonio di una sola delle parti, che renda incompatibile la convivenza e che sia verificabile in base ai fatti obiettivi emersi, ivi compreso il comportamento processuale, con particolare riferimento alle risultanze del tentativo di conciliazione, a prescindere da qualsivoglia elemento di addebitabilità. (Nella specie, la S.C. ha confermato la decisione di merito che aveva escluso ogni addebito alla moglie, dando conto dello stato di depressione in cui ella era piombata, sfociato in un tentativo di suicidio, così ampiamente motivando sull’intollerabilità della convivenza coniugale).

Nel giudizio di separazione personale dei coniugi, ed al fine della addebitabilità della separazione,

 

 vertendosi in materia di diritti indisponibili, le ammissioni di una parte non possono assumere valore di confessione in senso stretto, a norma dell’art. 2730 cod. civ., ma possono essere utilizzate – unitamente ad altri elementi probatori – quali presunzioni ed indizi liberamente valutabili, sempre che esprimano non opinioni o giudizi o stati d’animo personali, ma fatti obiettivi, suscettibili, in quanto tali, di essere valutati giuridicamente come indice della violazione di specifici doveri coniugali. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che, estrapolando acriticamente alcune frasi da una lettera inviata dal marito alla moglie nella quale il primo riconosceva di non essere stato un buon marito, vi ravvisava una sostanziale confessione della violazione dei doveri coniugali, con conseguente venir meno, ai fini della pronuncia di addebito, della rilevanza causale della violazione del dovere di fedeltà da parte della moglie).

In tema di separazione tra coniugi, la situazione di intollerabilità della convivenza va intesa in senso soggettivo, non essendo necessario che sussista una situazione di conflitto riconducibile alla volontà di entrambi i coniugi, ben potendo la frattura dipendere dalla condizione di disaffezione e distacco di una sola delle parti, verificabile in base a fatti obiettivi, come la presentazione stessa del ricorso ed il successivo comportamento processuale, (e, in particolare alle negative risultanze del tentativo di conciliazione), dovendosi ritenere, in tali evenienze, venuto meno quel principio del consenso che, con la riforma attuata attraverso la legge 19 maggio 1975, n. 151, caratterizza ogni vicenda del rapporto coniugale.

La dichiarazione di addebito della separazione implica la imputabilità al coniuge del comportamento, volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri del matrimonio, cui sia ricollegabile l’irreversibile crisi del rapporto fra coniugi. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito, la quale aveva ritenuto, da un lato, che la condotta, consistente in furti di danaro ai familiari ed ai terzi ed in acquisti particolarmente frequenti e fuori misura di beni mobili, configurasse violazione dei doveri matrimoniali, e, dall’altro lato, che il disturbo della personalità del coniuge, caratterizzato da un impulso compulsivo all’acquisto, non escludesse la capacità di intendere e di volere e l’imputabilità di detti comportamenti).

L’allontanamento di uno dei coniugi dalla casa familiare costituisce, in difetto di giusta causa:

violazione dell’obbligo di convivenza e la parte che, conseguentemente, richieda la pronuncia

Cass. civ. n. 25966/2016

 di addebito della separazione ha l’onere di provare il rapporto di causalità tra la violazione e l’intollerabilità della convivenza, gravando, invece, sulla controparte la prova della giusta causa.

CAMBIO DI CULTO DI UNO DEI CONIUGI

In tema di separazione personale tra coniugi, il mutamento di fede religiosa, e la conseguente partecipazione alle pratiche collettive del nuovo culto, configurandosi come esercizio dei diritti garantiti dall’art. 19 Cost., non può di per sé considerarsi come ragione di addebito della separazione, a meno che l’adesione al nuovo credo religioso non si traduca in comportamenti incompatibili con i concorrenti doveri di coniuge e di genitore previsti dagli artt. 143 e 147 c.c., in tal modo determinando una situazione di improseguibilità della convivenza o di grave pregiudizio per l’interesse della prole. (Nella specie, la S.C. ha escluso l’addebitabilità della separazione al marito in ragione della adesione di quest’ultimo alla confessione religiosa dei Testimoni di Geova, non potendo attribuirsi rilievo all’impegno assunto in sede di celebrazione del matrimonio religioso di conformare l’indirizzo della vita familiare ed educare i figli secondo i dettami della religione cattolica, estraneo alla disciplina civilistica del vincolo).

l’allontanamento dal domicilio coniugale, in quanto violazione dell’obbligo coniugale di convivenza, può costituire causa di addebito della separazione, a meno che sia avvenuto per giusta causa, che può essere rappresentata dalla stessa proposizione della domanda di separazione, di per sé indicativa di pregresse tensioni tra i coniugi e, quindi, dell’intollerabilità della convivenza, sicché, in caso di allontanamento e di richiesta di addebito, spetta al richiedente, e non all’altro coniuge, provare non solo l’allontanamento dalla casa coniugale, ma anche il nesso di causalità tra detto comportamento e l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza.

La relazione di un coniuge con estranei Cass. civ. n. 8929/2013:

 rende addebitabile la separazione ai sensi dell’art. 151 cod. civ quando, in considerazione degli aspetti esteriori con cui è coltivata e dell’ambiente in cui i coniugi vivono, dia luogo a plausibili sospetti di infedeltà e quindi, anche se non si sostanzi in un adulterio, comporti offesa alla dignità e all’onore dell’altro coniuge.

OBBLIGO FEDELTA’

Grava sulla parte che richieda, per l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà, l’addebito della separazione all’altro coniuge l’onere di provare la relativa condotta e la sua efficacia causale nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza, mentre è onere di chi eccepisce l’inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda, e quindi dell’infedeltà nella determinazione dell’intollerabilità della convivenza, provare le circostanze su cui l’eccezione si fonda, vale a dire l’anteriorità della crisi matrimoniale all’accertata infedeltà

  • Anzola dell’Emilia avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Argelato avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Baricella avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Bentivoglio avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Bologna avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Borgo Tossignano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Budrio avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Calderara di Reno avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Camugnano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Casalecchio di Reno avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Casalfiumanese avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel d’Aiano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel del Rio avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel di Casio avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel Guelfo di Bologna avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel Maggiore avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castel San Pietro Terme avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castello d’Argile avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castenaso avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Castiglione dei Pepoli avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Crevalcore avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Dozza avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Fontanelice avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Gaggio Montano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Galliera avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Granarolo dell’Emilia avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Grizzana Morandi avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Imola avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Lizzano in Belvedere avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Loiano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Malalbergo avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Marzabotto avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Medicina avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Minerbio avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Molinella avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monghidoro avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monte San Pietro avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monterenzio avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Monzuno avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Mordano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Ozzano dell’Emilia avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Pianoro avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Pieve di Cento avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Sala Bolognese avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Benedetto Val di Sambro avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Giorgio di Piano avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Giovanni in Persiceto avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Lazzaro di Savena avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • San Pietro in Casale avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Sant’Agata Bolognese avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Sasso Marconi avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Valsamoggia avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale
  • Vergato avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale

Zola Predosa avvocato penale, avvocato penalista , studio avvocato penale

Call Now ButtonChiama adesso