BOLOGNA IMOLA MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA maltrattamenti, minacce aggravate, ingiurie, lesioni personali in danno della moglie convivente La giurisprudenza di questa Corte ha gia’ affermato il principio che la nullita’, derivante dall’esecuzione della notificazione del decreto di citazione per il giudizio di appello presso il difensore di fiducia, anziche’ nel domicilio dichiarato o eletto dall’imputato, deve ritenersi sanata quando risulti provato che essa non gli ha impedito di conoscere l’esistenza dell’atto e di esercitare il diritto di difesa ed e’ comunque, priva di effetti se non dedotta tempestivamente, essendo soggetta alla sanatoria speciale di cui all’articolo 184, comma 1, alle sanatorie generali di cui all’articolo 183, alle regole di deducibilita’ di cui all’articolo 182, oltre che ai termini di rilevabilita’ di cui all’articolo 180 c.p.p. (Cass. Sez. 4, n. 15081 del’08/04/2010, Cusmano, Rv. 247033), trattandosi del resto non gia’ di notificazione del tutto omessa e quindi inesistente, bensi’ eseguita irregolarmente e cioe’ secondo forme diverse da quelle in base alle quali avrebbe dovuto perfezionarsi.

BOLOGNA MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA maltrattamenti, minacce aggravate, ingiurie, lesioni personali in danno della moglie conviventela più recente giurisprudenza di legittimità (cfr. sent. Cass. 31121/2014) ha avuto modo di precisare che “sussiste il delitto di...
Call Now ButtonChiama adesso
error: Content is protected !!