AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA – AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

[wpforms id=”14148″ title=”true” description=”true”]

Il penalista della famiglia di cosa si occupa ?

Dei reati familiari (delitti contro la famiglia come disciplinati nel codice penale artt. 556/574 CP).

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA

L’evoluzione dei costumi degli Italiani (o l’involuzione) ha provocato l’aumento esponenziale delle separazioni e dei divorzi negli ultimi anni.

La famiglia come è tutelata dal legislatore penale?

Nelle separazione giudiziali spesso vi sono parentesi penali. Ed ancora, persegue penalmente l’alterazione, la supposizione e/o la soppressione dello stato di nascita di un figlio, nonché reprime ogni violazione relativa all’assistenza familiare, avendo riguardo sia all’aspetto psicologico che patrimoniale.

Quale è il reato piu’ frequente?

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA

Il reato che si riscontra  piu’ frequentemente è previsto dall’art 572 bis cp riguardante maltrattamenti in famiglia .Tale reato non presuppone necessariamente l’esistenza di vincoli di parentela civili o naturali, ma sussiste anche nei riguardi di una persona convivente more uxorio.

Maltrattamenti contro familiari e conviventi- AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

  1. Chiunque, fuori dei casi indicati nell’articolo precedente, maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l’esercizio di una professione o di un’arte, è punito con la reclusione da tre a sette anni.
    2.La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso in presenza o in danno di persona minore, di donna in stato di gravidanza o di persona con disabilità come definita ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero se il fatto è commesso con armi.
    3.abrogato (d.l. 14 agosto 2013, n. 93, convertito con modificazioni dalla l. 15 ottobre 2013, n. 119)
    4. Se dal fatto deriva una lesione personale grave, si applica la reclusione da quattro a nove anni; se ne deriva una lesione gravissima, la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte, la reclusione da dodici a ventiquattro anni.
    5. Il minore di anni diciotto che assiste ai maltrattamenti di cui al presente articolo si considera persona offesa dal reato.

MANCATO PAGAMENTO ALIMENTI REATO- AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

La giurisprudenza di legittimità è costantemente orientata ad affermare che “in tema di reati contro la famiglia, la fattispecie di cui alla L. n. 898 del 1970, art. 12-sexies, richiamata dalla previsione di cui alla L. n. 54 del 2006, art. 3, che punisce il mero inadempimento dell’obbligo di corresponsione dell’assegno di mantenimento stabilito dal giudice a favore dei figli (senza limitazione di età) economicamente non autonomi, è reato perseguibile d’ufficio a natura permanente, la cui consumazione termina con l’adempimento integrale dell’obbligo ovvero con la data di deliberazione della sentenza di primo grado, quando dal giudizio emerga espressamente che l’omissione si è protratta anche dopo l’emissione del decreto di citazione a giudizio” (Sez. 6, n. 23794 del 27/04/2017, P.G. in proc. B., Rv. 270223). Non sussistono neppure dubbi che, quanto ai fatti commessi prima dell’entrata in vigore del D.Lgs. 1 marzo 2018, n. 21, vi è continuità normativa tra la fattispecie prevista dall’art. 570-bis c.p. e quella prevista dalla L. 8 febbraio 2006, n. 54, art. 3 (Sez. 6, n. 56080 del 17/10/2018, G., Rv. 2747329, sicchè la sentenza impugnata va annullata con rinvio al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brescia perchè proceda a nuovo giudizio facendo applicazione dei richiamati principi di diritto.

Quando una persona subisce un danno a causa della condotta di un altro soggetto, può in linea di massima sempre avanzare una pretesa risarcitoria nei confronti di questi.

E’ peraltro possibile che la condotta di chi ha commesso il fatto lesivo sia rilevante per gli effetti del diritto penale, in forma di reato doloso (es.: furto) o in forma di illecito colposo (per esempio, le lesioni colpose del medico che produca un danno al paziente per negligenza).

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA 

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA

In taluni casi, le autorità procederanno comunque a perseguire e punire il colpevole, poiché i fatti sono stati ritenuti dal legislatore di particolare rilevanza: si tratta di  reati procedibili d’ufficio.

In altri casi, invece, perché le autorità si attivino è necessario che il soggetto leso si rivolga ad esse attraverso un atto di querela. Con questa, si provvede a denunciare il fatto e a mettere le autorità al corrente del commesso reato, richiedendo contemporaneamente che il colpevole sia punito. Si tratta di reati procedibili a querela.

In questa seconda ipotesi è importante l’assistenza di un avvocato penalista esperto penale famiglia professionista nella redazione della querela: in primis evita al cliente di denunciare fatti e condotte in modo vago ed impreciso

 Questo  potrebbe portare all’iscrizione dei fatti nel c.d. modello 45, ossia il registro tenuto dalla Procura della Repubblica che contiene le notizie di fatti che non costituiscono reato e che permette al Pubblico Ministero di procedere all’archiviazione diretta del fascicolo; ma soprattutto il professionista è in grado di formulare la querela in modo completo, così da non vanificare i propositi dell’assistito, .

Purtroppo, come le statistiche impietosamente ci dicono, accanto alle procedure separative e divorzili, sorgono vicende che rivestono risvolti penali. La violenza tra le mura domestiche è in netta ascesa.

Ciò impone all’avvocato matrimonialista una corretta preparazione e formazione anche in diritto penale e diritto processuale penale.

L’avvocato diritto penale della famiglia Bologna  matrimonialista, quello vero, è anche penalista familiare o della famiglia perché, oltre ad occuparsi delle procedure in sede civile, deve sapersi muovere ad alto livello tecnico anche nel settore dei delitti contro la famiglia e organizzare due processi distinti contemporaneamente.

L’importante art . 572 del codice penale il legislatore, nel punire chi “maltratta una persona della famiglia o comunque convivente”, ha lasciato in maniera del tutto voluta la formula della qualificazione giuridica del fatto/reato molto aperta, facendo esclusivo riferimento alla parola “maltratta” e non riportando quindi, in termini più specifici, quali siano le condotte mediante le quali si viene a configurare il delitto di maltrattamenti in famiglia.

La scelta legislativa, in questo caso, è stata assolutamente voluta e realizzata proprio al fine di non porre dei paletti eccessivamente stringenti agli interpreti del diritto, in questo caso i Giudici, nella valutazione delle varie condotte che possano costituire il delitto di maltrattamenti in famiglia.  

L’individuazione esatta della fattispecie criminosa in ambito familiare è importantissima.

Succede che un famiglirista puro non sia in grado di qualificare giuridicamente un delitto contro la famiglia ecco perché occorre  un avvocato matrimonialista esperto di diritto penale della famiglia

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA Codice Penale 

LIBRO SECONDO
DEI DELITTI IN PARTICOLARE

TITOLO XI
Dei delitti contro la famiglia

Capo I
Dei delitti contro il matrimonio

Art. 556.
Bigamia.

Chiunque, essendo legato da un matrimonio avente effetti civili, ne contrae un altro, pur avente effetti civili, è punito con la reclusione da uno a cinque anni. Alla stessa pena soggiace chi, non essendo coniugato, contrae matrimonio con persona legata da matrimonio avente effetti civili.
La pena è aumentata se il colpevole ha indotto in errore la persona, con la quale ha contratto matrimonio, sulla libertà dello stato proprio o di lei.
Se il matrimonio, contratto precedentemente dal bigamo, è dichiarato nullo, ovvero è annullato il secondo matrimonio per causa diversa dalla bigamia, il reato è estinto, anche rispetto a coloro che sono concorsi nel reato, e, se vi è stata condanna, ne cessano l’esecuzione e gli effetti penali.

Art. 557.
Prescrizione del reato.

Il termine della prescrizione per il delitto preveduto dall’articolo precedente decorre dal giorno in cui è sciolto uno dei due matrimoni o è dichiarato nullo il secondo per bigamia.

Art. 558.
Induzione al matrimonio mediante inganno.

Chiunque, nel contrarre matrimonio avente effetti civili, con mezzi fraudolenti occulta all’altro coniuge l’esistenza di un impedimento che non sia quello derivante da un precedente matrimonio è punito, se il matrimonio è annullato a causa dell’impedimento occultato, con la reclusione fino a un anno ovvero con la multa da euro 206 a euro 1.032.

Art. 558-bis.

Costrizione o induzione al matrimonio (1).

Chiunque, con violenza o minaccia, costringe una persona a contrarre matrimonio o unione civile è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

La stessa pena si applica a chiunque, approfittando delle condizioni di vulnerabilità o di inferiorità psichica o di necessità di una persona, con abuso delle relazioni familiari, domestiche, lavorative o dell’autorità derivante dall’affidamento della persona per ragioni di cura, istruzione o educazione, vigilanza o custodia, la induce a contrarre matrimonio o unione civile.

La pena è aumentata se i fatti sono commessi in danno di un minore di anni diciotto.

La pena è da due a sette anni di reclusione se i fatti sono commessi in danno di un minore di anni quattordici.

Le disposizioni del presente articolo si applicano anche quando il fatto è commesso all’estero da cittadino italiano o da straniero residente in Italia ovvero in danno di cittadino italiano o di straniero residente in Italia.

(1) Articolo inserito dall’art. 7, comma 1, L. 19 luglio 2019, n. 69, a decorrere dal 9 agosto 2019.

[Art. 559.
Adulterio.

La moglie adultera è punita con la reclusione fino a un anno. Con la stessa pena è punito il correo dell’adultera.
La pena è della reclusione fino a due anni nel caso di relazione adulterina. (
1)
Il delitto è punibile a querela del marito. (
2)]

(1) La Corte costituzionale con sentenza n. 126/1968 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del primo e del secondo comma del presente articolo.
(2) La Corte costituzionale con sentenza n. 147/1969 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del comma terzo del presente articolo.

Art. 560.
Concubinato.

[Il marito, che tiene una concubina nella casa coniugale, o notoriamente altrove, è punito con la reclusione fino a due anni.
La concubina è punita con la stessa pena.
Il delitto è punibile a querela della moglie.
] (1)

(1) La Corte costituzionale con sentenza n. 147/1969 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente comma.

Art. 561.
Casi di non punibilità. Circostanza attenuante. (
1)

[Nel caso preveduto dall’articolo 559, non è punibile la moglie quando il marito l’abbia indotta o eccitata alla prostituzione ovvero abbia comunque tratto vantaggio dalla prostituzione di lei.
Nei casi preveduti dai due articoli precedenti non è punibile il coniuge legalmente separato per colpa dell’altro coniuge, ovvero da questo ingiustamente abbandonato.
Se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato per colpa propria o per colpa propria e dell’altro coniuge o per mutuo consenso, la pena è diminuita. 
]

(1) Vedi nota relativa all’art. 559 c.p.

Art. 562.
Pena accessoria e sanzione civile. (
1)

La condanna per alcuno dei delitti preveduti dagli articoli 556 e 560 importa la perdita dell’autorità maritale.
Con la sentenza di condanna per adulterio o per concubinato il giudice può, sull’istanza del coniuge offeso, ordinare i provvedimenti temporanei di indole civile, che ritenga urgenti nell’interesse del coniuge offeso e della prole.
Tali provvedimenti sono immediatamente eseguibili, ma cessano di aver effetto se, entro tre mesi dalla sentenza di condanna, divenuta irrevocabile, non è presentata dinanzi al giudice civile domanda di separazione personale.
 ]

(1) Vedi nota relativa agli artt. 559 e 560 c.p.

Art. 563.
Estinzione del reato. (
1)

[Nei casi preveduti dagli articoli 559 e 560 la remissione della querela, anche se intervenuta dopo la condanna, estingue il reato.
Estinguono altresì il reato:
1) la morte del coniuge offeso;
2) l’annullamento del matrimonio del colpevole di adulterio o di concubinato.
L’estinzione del reato ha effetto anche riguardo al correo e alla concubina e ad ogni persona che sia concorsa nel reato; e, se vi è stata condanna, ne cessano l’esecuzione e gli effetti penali
.]

(1) Vedi nota relativa agli artt. 559 e 560 c.p.

Capo II
Dei delitti contro la morale familiare

Art. 564.
Incesto.

Chiunque, in modo che ne derivi pubblico scandalo, commette incesto con un discendente o un ascendente, o con un affine in linea retta, ovvero con una sorella o un fratello, è punito con la reclusione da uno a cinque anni.
La pena è della reclusione da due a otto anni nel caso di relazione incestuosa.
Nei casi preveduti dalle disposizioni precedenti, se l’incesto è commesso da persona maggiore di età con persona minore degli anni diciotto, la pena è aumentata per la persona maggiorenne.
La condanna pronunciata contro il genitore importa la decadenza dalla responsabilità genitoriale. (1)

(1) Comma così modificato dall’art. 93, comma 1, lett. l), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.

Art. 565.
Attentati alla morale familiare commessi col mezzo della stampa periodica.

Chiunque nella cronaca dei giornali o di altri scritti periodici, nei disegni che ad essa si riferiscono, ovvero nelle inserzioni fatte a scopo di pubblicità sugli stessi giornali o scritti, espone o mette in rilievo circostanze tali da offendere la morale familiare, è punito con la multa da euro 103 a euro 516.

Capo III
Dei delitti contro lo stato di famiglia

Art. 566.
Supposizione o soppressione di stato.

Chiunque fa figurare nei registri dello stato civile una nascita inesistente è punito con la reclusione da tre a dieci anni.
Alla stessa pena soggiace chi, mediante l’occultamento di un neonato, ne sopprime lo stato civile.

Art. 567.
Alterazione di stato. 

Chiunque, mediante la sostituzione di un neonato, ne altera lo stato civile è punito con la reclusione da tre a dieci anni.
Si applica la reclusione da cinque a quindici anni a chiunque, nella formazione di un atto di nascita, altera lo stato civile di un neonato, mediante false certificazioni, false attestazioni o altre falsità. (1)

(1) La Corte costituzionale, con sentenza 21 settembre-10 novembre 2016, n. 236 (Gazz. Uff. 16 novembre 2016, n. 46 – Prima serie speciale), ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente comma, nella parte in cui prevede la pena edittale della reclusione da un minimo di cinque a un massimo di quindici anni, anziché la pena edittale della reclusione da un minimo di tre a un massimo di dieci anni.

Art. 568.

Occultamento di stato di un figlio. (1)

Chiunque depone o presenta un fanciullo, già iscritto nei registri dello stato civile come figlio nato nel matrimonio o riconosciuto, in un ospizio di trovatelli o in un altro luogo di beneficenza, occultandone lo stato, è punito con la reclusione da uno a cinque anni. (2)

(1) Rubrica così modificata dall’art. 93, comma 1, lett. m), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.
(2) Comma così modificato dall’art. 93, comma 1, lett. m), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.

Art. 569.
Pena accessoria. (
1)

La condanna pronunciata contro il genitore per alcuno dei delitti preveduti da questo capo importa la decadenza dalla responsabilità genitoriale. (2)

(1) La Corte Costituzionale con la sentenza 23 febbraio 2012, n. 31 ha dichiarato “l’illegittimità costituzionale dell’articolo 569 del codice penale, nella parte in cui stabilisce che, in caso di condanna pronunciata contro il genitore per il delitto di alterazione di stato, previsto dall’articolo 567, secondo comma, del codice penale, consegua di diritto la perdita della potestà genitoriale, così precludendo al giudice ogni possibilità di valutazione dell’interesse del minore nel caso concreto.” Successivamente, con sentenza 23 gennaio 2013, n. 7 ne ha dichiarato l’illegittimità costituzionale “nella parte in cui stabilisce che, in caso di condanna pronunciata contro il genitore per il delitto di soppressione di stato, previsto dall’articolo 566, secondo comma, del codice penale, consegua di diritto la perdita della potestà genitoriale, così precludendo al giudice ogni possibilità di valutazione dell’interesse del minore nel caso concreto.”
(2) Comma così modificato dall’art. 93, comma 1, lett. n), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.

Capo IV
Dei delitti contro l’assistenza familiare

Art. 570.
Violazione degli obblighi di assistenza familiare.

Chiunque, abbandonando il domicilio domestico, o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla responsabilità genitoriale, o alla qualità di coniuge, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da euro 103 a euro 1.032. (1)
Le dette pene si applicano congiuntamente a chi:
1) malversa o dilapida i beni del figlio minore o del pupillo o del coniuge;
2) fa mancare i mezzi di sussistenza ai discendenti di età minore, ovvero inabili al lavoro, agli ascendenti o al coniuge, il quale non sia legalmente separato per sua colpa.
Il delitto è punibile a querela della persona offesa salvo nei casi previsti dal numero 1 e, quando il reato è commesso nei confronti dei minori, dal numero 2 del precedente comma.
Le disposizioni di questo articolo non si applicano se il fatto è preveduto come più grave reato da un’altra disposizione di legge.

Art. 570-bis.

Violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o di scioglimento del matrimonio (1).

Le pene previste dall’articolo 570 si applicano al coniuge che si sottrae all’obbligo di corresponsione di ogni tipologia di assegno dovuto in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullità del matrimonio ovvero vìola gli obblighi di natura economica in materia di separazione dei coniugi e di affidamento condiviso dei figli.

(1) Articolo inserito dall’art. 2, comma 1, lett. c), D.Lgs. 1° marzo 2018, n. 21.

_______________

Art. 571.
Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina.

Chiunque abusa dei mezzi di correzione o di disciplina in danno di una persona sottoposta alla sua autorità, o a lui affidata per ragione di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, ovvero per l’esercizio di una professione o di un’arte, è punito, se dal fatto deriva il pericolo di una malattia nel corpo o nella mente, con la reclusione fino a sei mesi.
Se dal fatto deriva una lesione personale, si applicano le pene stabilite negli articoli 582 e 583, ridotte a un terzo; se ne deriva la morte, si applica la reclusione da tre a otto anni.

Art. 572.
Maltrattamenti contro familiari e conviventi.

Chiunque, fuori dei casi indicati nell’articolo precedente, maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità o a lui affidata per ragioni di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, o per l’esercizio di una professione o di un’arte, è punito con la reclusione da tre a sette anni (1).

La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso in presenza o in danno di persona minore, di donna in stato di gravidanza o di persona con disabilità come definita ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero se il fatto è commesso con armi (2).

[La pena è aumentata se il fatto è commesso in danno di persona minore degli anni quattordici] (3).

Se dal fatto deriva una lesione personale grave, si applica la reclusione da quattro a nove anni; se ne deriva una lesione gravissima, la reclusione da sette a quindici anni; se ne deriva la morte, la reclusione da dodici a ventiquattro anni.

Il minore di anni diciotto che assiste ai maltrattamenti di cui al presente articolo si considera persona offesa dal reato (4).

(1) Comma così modificato dall’art. 9, comma 2, lett. a), L. 19 luglio 2019, n. 69, a decorrere dal 9 agosto 2019.
(2) Comma inserito dall’art. 9, comma 2, lett. b), L. 19 luglio 2019, n. 69, a decorrere dal 9 agosto 2019.
(3) Comma abrogato dall’art. 1, comma 1-bis, D.L. 14 agosto 2013, n. 93, convertito, con modificazioni, dalla L. 15 ottobre 2013, n. 119.
(4) Comma aggiunto dall’art. 9, comma 2, lett. c), L. 19 luglio 2019, n. 69, a decorrere dal 9 agosto 2019.

Per approfondimenti vedi voce “Maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli” di AltalexPedia.

______________
Giurisprudenza

Art. 573.
Sottrazione consensuale di minorenni.

Chiunque sottrae un minore, che abbia compiuto gli anni quattordici, col consenso di esso, al genitore esercente la responsabilità genitoriale o al tutore, ovvero lo ritiene contro la volontà del medesimo genitore o tutore, è punito, a querela di questo, con la reclusione fino a due anni. (1)
La pena è diminuita, se il fatto è commesso per fine di matrimonio; è aumentata, se è commesso per fine di libidine.
Si applicano le disposizioni degli articoli 525 e 544.

(1) Comma così modificato dall’art. 93, comma 1, lett. p), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.

Art. 574.
Sottrazione di persone incapaci.

Chiunque sottrae un minore degli anni quattordici, o un infermo di mente, al genitore esercente la responsabilità genitoriale, al tutore, o al curatore, o a chi ne abbia la vigilanza o la custodia, ovvero lo ritiene contro la volontà dei medesimi, è punito, a querela del genitore esercente la responsabilità genitoriale, del tutore o del curatore, con la reclusione da uno a tre anni. (1)
Alla stessa pena soggiace, a querela delle stesse persone, chi sottrae o ritiene un minore che abbia compiuto gli anni quattordici, senza il consenso di esso per fine diverso da quello di libidine o di matrimonio.
Si applicano le disposizioni degli articoli 525 e 544.

(1) Comma così modificato dall’art. 93, comma 1, lett. q), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.

_______________

Cfr. Cassazione Penale, sez. VI, sentenza 4 novembre 2009, n. 42370 in Altalex Massimario.

Art. 574 bis.
Sottrazione e trattenimento di minore all’estero. 

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque sottrae un minore al genitore esercente la responsabilità genitoriale o al tutore, conducendolo o trattenendolo all’estero contro la volontà del medesimo genitore o tutore, impedendo in tutto o in parte allo stesso l’esercizio della responsabilità genitoriale, è punito con la reclusione da uno a quattro anni. 
Se il fatto di cui al primo comma è commesso nei confronti di un minore che abbia compiuto gli anni quattordici e con il suo consenso, si applica la pena della reclusione da sei mesi a tre anni.
Se i fatti di cui al primo e secondo comma sono commessi da un genitore in danno del figlio minore, la condanna comporta la sospensione dall’esercizio della responsabilità genitoriale. 

(1) Articolo inserito dall’art. 3, comma 29, lett. b), della L. 15 luglio 2009, n. 94
(2) Comma così modificato dall’art. 93, comma 1, lett. r), D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014.
(3) La Corte costituzionale, con la sentenza 29 maggio 2020, n. 102, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 574-bis, terzo comma nella parte in cui prevede che la condanna pronunciata contro il genitore per il delitto di sottrazione e mantenimento di minore all’estero ai danni del figlio minore comporta la sospensione dell’esercizio della responsabilità genitoriale, anziché la possibilità per il giudice di disporre la sospensione dall’esercizio della responsabilità genitoriale. 

Art. 574 ter

AVVOCATO PENALE FAMIGLIA BOLOGNA  di un’unione civile agli effetti della legge penale. (1)

Agli effetti della legge penale il termine matrimonio si intende riferito anche alla costituzione di un’unione civile tra persone dello stesso sesso.
Quando la legge penale considera la qualita’ di coniuge come elemento costitutivo o come circostanza aggravante di un reato essa si intende riferita anche alla parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso.

(1) Articolo inserito dall’articolo 1, comma 1, lettera b), del D.lgs. 19 gennaio 2017, n. 6.

In materia di diritto minorile, l’avvocato familiarista davanti al Tribunale ordinario si occupa in via principale di procedimenti relativi ai figli nati fuori dal matrimonio, per la regolamentazione dell’esercizio della responsabilità genitoriale, del mantenimento e del diritto di permanenza con il genitore non collocatario.